Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità Piazza Pugliatti, 1

Un anno in carcere per Patrick Zaki, UniMe si tinge di giallo in segno di solidarietà

Anche l'Università di Messina aderisce all’iniziativa proposta da Amnesty International per supportare la liberazione dello studente iscritto all’università di Bologna incarcerato in Egitto. Rischia fino a 25 anni di carcere per dieci post su Facebook

Sono passati 365 giorni dall’ingiusta carcerazione di Patrick Zaky, attivista e  studente  di origini egiziane dell’Università “Alma Mater” di Bologna, fermato all’aeroporto del Cairo il 7 febbraio 2020.  A un anno dall’arresto avvenuto l’8 febbraio scorso con l’accusa di minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento a manifestazione illegale, sovversione, diffusione di notizie false e propaganda per il terrorismo anche UniMe aderisce all’iniziativa solidale proposta da Amnesty International (sez. Sicilia) per supportare e sostenere la sua liberazione illuminando di giallo la sede centrale.

La cattura del 28ennne che oggi lascia col fiato sospeso mezzo mondo è avvenuta all’arrivo nel suo Paese in vacanza per trovare parenti:  resterà in cella fino a data da destinarsi, in detenzione preventiva. Il giovane rischia fino a 25 anni di carcere per dieci post di un account Facebook, che la sua difesa considera ‘falso’. Nei giorni scorsi la sua custodia cautelare è stata  prolungata di ulteriori 45 giorni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un anno in carcere per Patrick Zaki, UniMe si tinge di giallo in segno di solidarietà

MessinaToday è in caricamento