rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Attualità

Classifica mondiale dei Ricercatori, i docenti UniMe in classifica per miglior produttività

Professori inseriti nella top 195mila degli scienziati. La graduatoria dei ricercatori dell’Università di Stanford e pubblicata sulla rivista scientifica PLOS Biology

Sono 66 i docenti Unime che sono stati inseriti nella classifica mondiale degli scienziati con livello più elevato di produttività scientifica elaborata dai ricercatori dell’Università di Stanford e pubblicata sulla rivista scientifica PLOS Biology.

La Stanford University ha, infatti, pubblicato un aggiornamento di uno studio di bibliometria, la scienza che utilizza tecniche matematiche e statistiche per analizzare la quantità, la qualità e la diffusione delle pubblicazioni all’interno delle comunità scientifiche. Il nuovo rapporto è stato firmato dal prof. John Ioannidis (della Stanford University), in collaborazione con la Elsevier ed il database per la ricerca scientifica mondiale “Scopus”, aggiornato con gli indicatori di citazioni standardizzate, relativi a ben 8,6 milioni di ricercatori di Università e Centri di ricerca di tutto il mondo. Di questi, circa 195mila rientrano nel top 2%.

Vi sono, in tutto, due classificazioni: la prima basata sull’intera carriera dei ricercatori e la seconda che invece si riferisce al solo anno 2021. Per ogni ricercatore viene indicato il settore in cui è attivo e il ranking corrispondente, differenziato tra ranking che includono i riferimenti di auto-citazioni e quelli che non li includono.

L’Università di Messina, considerando solo i ricercatori che rientrano fra i primi 195 mila (lo scorso anno erano 175.000), vanta 31 ricercatori nella classificazione che fa riferimento all’intera carriera (alcuni in pensione) e 66 ricercatori nella lista riferita al solo anno 2021(lo scorso anno erano stati 56).

I proff. Salvatore Cuzzocrea e Gabriele Centi, inoltre, rientrano – da ranking – fra i primi 10 mila ricercatori a livello mondiale in relazione alla classificazione della carriera.
I ricercatori UniMe inclusi nel rapporto della Stanford University sono: Gabriele Centi, Salvatore Cuzzocrea, Salvatore Oddo, Giovanni Neri, Vincenzo Ficarra, Sebastiano Campagna, Luigi Mondello, Gabriele Bonanno, Salvatore Benvenga, Edoardo Spina, Giovanni Raimondo, Jan C. J. Bart, Guido Ferlazzo, Francesco Arena, Scolastica Serroni, Lorenzo Torrisi, Gioacchino Calapai, Stefano Cavallaro, Siglinda Perathoner, Francesco Squadrito, Paola Dugo, Marco Cicciù, Francesco Fazio, Giuseppe Muscolino, Antonella Saija, Salvatore Magazzù, Maria C. Nucci, Raffaello Romeo, Rosanna Di Paola, Domenica Altavilla, Caterina Faggio, Dario De Domenico, Luca Fiorillo, Domenico Cucinotta, Andrea d’Avella, Fabiola Atzeni, Sebastiano Gangemi, Maria Grazia Pennisi, Gabriele Cervino, Angelo Quartarone, Davide Barreca, Stefania Mondello, Luigi Calabrese, Domenico Trombetta, Giorgio Arcadi, Giuseppe Piccione, Tiziana Cappello, Concettina Fenga, Alessandra Bitto, Massimiliano Beretta, Sonia Messina, Pasquale Aragona, Giuseppina Mandalari, Rosalia Crupi, Gaetano Caramori, Giuseppe Ricciardi, Vincenzo Crupi, Pasquale De Meo, Daniela Impellizzeri, Antonia Nostro, Antonella Smeriglio, Massimo Villari, Carmelo M. Vicario, Alessandro Allegra, Claudio Ampelli, Letteria Minutoli, Giovanni Finocchio, Gabriele Pizzino, Salvatore Distefano, Rosalba Siracusa, Antonio Celesti, Roberto Montanini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Classifica mondiale dei Ricercatori, i docenti UniMe in classifica per miglior produttività

MessinaToday è in caricamento