Lunedì, 18 Ottobre 2021
Attualità

Tre vulcani sottomarini nelle acque del Tirreno, due docenti messinesi nel team della scoperta

Barbara Orecchio e Debora Presti, insieme all’assegnista Cristina Totaro, le studiose che hanno collaborato alla ricerca che offre nuovi spunti sulla storia del pianeta e i fondali marini

Tre vulcani sottomarini scoperti nel Tirreno, al largo della Calabria. Nel team che li ha individuati le professoresse Barbara Orecchio e Debora Presti, unitamente all’assegnista Cristina Totaro, del Dipartimento di Scienze matematiche e informatiche, Scienze fisiche e Scienze della Terra dell’Ateneo di Messina. Le studiose, in collaborazione con ricercatori di vari Enti, in particolare l’INGV e le Università di Catania e Palermo, hanno pubblicato i risultati dello studio sulla prestigiosa rivista Tectonics. 

Lo studio ha ricevuto il riconoscimento di “Highlight” EOS – Earth & Space Science News ed ha rivelato la presenza, a poca distanza dalla costa occidentale calabra, di tre vulcani sottomarini ai quali sono stati attribuiti i nomi di Ovidio, Diamante ed Enotrio. Tale complesso vulcanico, denominato Diamante-Enotrio-Ovidio, sinora sconosciuto, rappresenta uno dei più grandi complessi vulcanici sottomarini italiani. 

Secondo gli esperti la catena montuosa sottomarina si sarebbe originata a seguito di una profonda frattura della crosta terrestre costruita dai vulcani Diamante, Enotrio e Ovidio, e la formazione sarebbe avvenuta nell’arco degli ultimi 780.000 anni. Questo complesso vulcanico sarebbe diviso in due parti: una occidentale, più lontana dalla costa e una orientale, che invece è più vicina. Per l'Ingv uno, di questo è più grande del Vesuvio.

La scoperta di questo complesso vulcanico è stata molto importante per gli esperti, la formazione dovuta alle eruzioni sottomarine ha creato nuovi spunti di ricerca  per i fondali marini e per la storia del nostro pianeta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre vulcani sottomarini nelle acque del Tirreno, due docenti messinesi nel team della scoperta

MessinaToday è in caricamento