Coppetta mestruale, tutto quello che c'è da sapere su utilizzo e vantaggi

Una guida per scoprire l’alternativa ecologica ed economica agli assorbenti igienici

Si tratta dell’alternativa ecologica ed economica  agli  assorbenti igienici, stiamo parlando della  coppetta mestruale, che  è riutilizzabile più volte e può durare fino a 10 anni  se conservata correttamente. Vediamo nel dettaglio cos’è e come funziona.

Che cos'è e come funziona la coppetta mestruale

La coppetta mestruale è una piccola coppa realizzata con materiale morbido e anallergico, solitamente silicone o gomma, che si inserisce all'interno della vagina durante i giorni del ciclo; al contrario dei tamponi e degli assorbenti tradizionali, la coppetta raccoglie il fluido mestruale senza assorbirlo, motivo per il quale può essere riutilizzata tantissime volte.
La protezione della coppetta mestruale è garantita per circa 12 ore e, una volta inserita, ti permette di svolgere tutte le azioni che faresti indossando un assorbente interno, compreso nuotare.

Come si mette la coppetta mestruale?

Dopo esserti lavata accuratamente le mani e aver trovato una posizione comoda, puoi inserire la coppetta piegandola su sé stessa: se inserita correttamente, la coppetta aderirà perfettamente alle pareti vaginali creando un sigillo che impedisce ogni tipo di perdita e permette di fare qualunque movimento senza paura. Con la pratica e l'esperienza, anche legate alla consapevolezza del proprio corpo, inserire la coppetta mestruale diventerà sempre più facile e veloce.
Al momento di togliere la coppetta è importante evitare di tirarla: basterà piegare il fondo a imbuto ed estrarla con dei leggeri movimenti a zig zag per spostare il bordo dalla parete vaginale e facilitarne l'uscita.

La pulizia della coppetta

Appena acquistata, e tra un ciclo e l'altro, la coppetta mestruale deve essere sterilizzata, immergendola in acqua bollente per circa 5/6 minuti; tra un inserimento e l'altro, invece, basterà risciacquarla con acqua tiepida, lavandosi sempre le mani prima di inserire o svuotare la coppetta per evitare possibili infezioni.

Come scegliere la coppetta giusta

In commercio sono disponibili coppette mestruali con misure, modelli, materiali, forme e prezzi molto differenti, ed è molto importante riuscire ad individuare la coppetta giusta per la propria anatomia. Il primo passo riguarda la taglia e la capienza, che devono essere scelte in base al proprio corpo (età, gravidanza, verginità e altri fattori) e alla quantità di sangue che la coppetta dovrà contenere (flusso leggero, medio o pesante). Solitamente sono disponibili due taglie:
•    piccola - per donne giovani, adolescenti o che non hanno avuto rapporti sessuali;
•    grande  -  per chi ha superato i 30 anni, per chi ha già partorito o/e ha un flusso abbondante.
Per quanto riguarda la morbidezza della coppetta, invece, opta per una coppetta semi morbida o morbida se hai problemi di sensibilità o un pavimento pelvico poco tonico, e per una coppetta rigida o semi morbida in caso di pavimento pelvico molto tonico.

I vantaggi della coppetta mestruale

La coppetta mestruale è quindi una scelta igienica e sicura, che comporta un notevole risparmio economico e un bassissimo impatto ambientale; inoltre, rispetto agli assorbenti tradizionali, la coppetta risulta più traspirante, priva di elementi dannosi (come i pesticidi o la candeggina sbiancante spesso usati nel cotone degli assorbenti) e capace di mantenere la flora naturale del corpo a livelli ottimali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falcone a lutto, non ce l'ha fatta Luca Minato ferito dall'esplosione della bombola di gas

  • Onda anomala travolge barca, quattro pescatori finiscono in mare

  • Patti, bimba di nove anni cade dalla bicicletta e batte la testa: in elisoccorso al Policlinico

  • Il lieto fine di Alessandro dopo l'incidente: "Pensavo di non poter più correre, ma ce l'ho fatta"

  • Il teatro messinese piange la morte di Donatella Venuti

  • Incidente nella notte sulla Palermo-Messina, muore una 51enne: cinque i feriti

Torna su
MessinaToday è in caricamento