rotate-mobile

Marina Pagliaro

Giornalista

La magia del Natale, due o tre cose che è meglio non dimenticare su Harry Potter

L'iniziativa che si terrà alla stazione di Messina dedicata a grandi e piccoli sulle tracce del maghetto inglese, ma "sono spariti" il nome vero e il binario giusto

Non serve essere pignoli come Hermione Granger né inforcare gli occhiali della professoressa McGranitt per notare due imperdonabili errori legati all’evento di Natale che si terrà alla stazione, organizzato dal Comune di Messina ed Rfi, sullo sfondo del magico mondo di Harry Potter. Sfondo sì, perché chiunque si sia appassionato delle vicende del maghetto inglese, che ha fatto e continua a far sognare generazioni di lettori e cinefili, sa che è il “nove e tre quarti” il binario magico da cui tutti gli studenti partono alla volta della scuola di Hogwarts. 

Un non-luogo che separa i “babbani” dai “maghi” e che, in un certo senso, rappresenta proprio quello scarto fra realtà e immaginazione che ha reso le peripezie di Harry Potter famose in tutto il pianeta e i libri tradotti in 80 lingue nell'arco di due decenni. Insomma, un adattamento un po’ troppo forzato, quello proposto nell’Harry Potter in salsa messinese, dove il binario è diventato l'1 e 3 quarti, e per cui non sono stati in pochi a minacciare di voler trovare il responsabile della scelta, per mandarlo, se non in ospedale, quantomeno ad Azkban. 

E se, come insegna ancora la Granger, “è leviosa..non leviosà”, è bene sottolineare allora che si scrive HARRY, non HERRY. Ulteriore refuso, questo, apparso non soltanto nella locandina di lancio dell'evento ma una seconda volta nel programma pubblicato oggi dal sito di Palazzo Zanca, per cui soltanto appellandoci alla pazienza di Albus Silente si può ottenere la remissione per il peccato commesso. 

Insomma, l’evento sicuramente si distingue per il carattere di originalità e per la capacità di coniugare iniziative che potranno accontentare genitori e bambini. Ma ancora una precisazione va fatta. Mai accostare la magia di Harry Potter a quella del Natale. Sono ancora tanti i lettori che piangono ricordando la partenza di tutti i compagni di Harry felici di tornare a casa per condividere con la famiglia d’origine le feste, in contrapposizione al maghetto solo ad Hogwarts, nostalgico verso i genitori, tragicamente assassinati da Voldemort. 

Non vogliamo essere malpensanti come Severus Piton. Aspettiamo quindi che la “magia” (non oscura!) possa compiersi anche nella Stazione di Messina. E invitiamo, comunque, chi parteciperà, a non sfidare il muro del binario 1 e 3 quarti, usando il magico carrello per provare a “oltrepassare” quel confine. 

Herry2

HERRY

Si parla di
Sullo stesso argomento

La magia del Natale, due o tre cose che è meglio non dimenticare su Harry Potter

MessinaToday è in caricamento