rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023

Andrea Castorina

Giornalista

Rimpianti e nostalgia per la “giovane” Messina del 1780: quel rendering che fa riflettere e spinge ad agire

Ma per una città il concetto di tempo è relativo. E allora Facciamo in modo che qualcuno tra 200 anni possa emozionarsi vedendo un ipotetico rendering sulla Messina del 2023

Era bella Messina da “giovane”. Prima che due terremoti la devastassero e che le ruspe le dessero il colpo di grazia. A svelarla è il rendering dell’architetto Luciano Giannone che oggettivamente provoca più di un’emozione, non potrebbe essere altrimenti, al netto di eventuali licenze poetiche dell'autore. E chissà quanti avranno desiderato poter tornare a quelli anni, esattamente al 1780, periodo a cui la ricostruzione virtuale fa riferimento. Forse adesso la città ricorda più una donna over 70, sciupata e poco curata, che tiene tra le mani una foto in bianco nero che la ritrae giovane e sensuale. Davanti a quello scatto si sforza a ricordare il suo passato glorioso per accettare meglio il presente e l’imminente futuro.

Ecco com'era Messina nel 1780 - VIDEO

Ma il paragone è azzardato. Perché Messina è bella ancora oggi alla fine, lo sappiamo tutti anche se non ce lo ricordiamo. Non se lo ricorda soprattutto chi ogni giorno la sporca, la maltratta e poi la critica, chi "dimentica" di pulire le strade con regolarità e sistemare l'arredo urbano. E poi magari con la tastiera dello smartphone commenta il video, ormai virale, dell’architetto Giannone, esaltando un passato che non ha mai vissuto. In questo caso è tutta retorica e anche ipocrisia, lasciarsi andare al “si stava meglio quando si stava peggio” o all’idealizzazione cronica del passato che per forza era più bello, interessante di un oggi che si vive per forza e non ha senso sforzarsi a migliorare. Certo, guardare quei campanili, quei palazzi e quelle chiese lascia comunque l’amaro in bocca. Perché Messina ha perso tanto, troppo. Soprattutto dal punto di vista artistico e forse, citando sociologi e scienziati, anche nell’animo. E quindi si resta sospesi tra rimpianti per ciò che la natura matrigna ci ha tolto e ciò che potremmo diventare se uno dei tanti progetti, anch’essi portati in vita da un rendering, diventasse realtà. Del resto chi è sospeso non agisce, medita, rivanga il passato e perde tempo. Ecco perché questo status si cuce addosso perfettamente a buona parte dei messinesi. Nel frattempo la signora over 70 di cui sopra invecchia, resta sempre più sola e priva di forze, mentre tra le mani continua a tenere quella foto in bianco e nero con quel volto di ragazza che le somiglia ogni giorno di meno.

Ma per una città il concetto di tempo è relativo, siamo noi a considerarla “giovane” o “anziana” e a comportarci di conseguenza. E allora smettiamo di vedere Messina come una donna morente circondata da parenti e amici ormai rassegnati al suo capezzale. Facciamo in modo che qualcuno tra 200 anni possa emozionarsi vedendo un ipotetico rendering sulla Messina del 2023.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Rimpianti e nostalgia per la “giovane” Messina del 1780: quel rendering che fa riflettere e spinge ad agire

MessinaToday è in caricamento