rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022

Spifferi e speranze natalizie su Messina

Con una bella operazione di lifting Messina sembra avere ripreso sotto il Natale le sembianze di un posto che aspira ad avere lʼidentità di una città non solo di frontiera.

Sono apparse ruota panoramica, giochi di luce e le luminarie che popolano le strade, luccicano in maniera meno scomposta degli anni passati.

Perfino i villaggi segnano qualche punto a favore con iniziative che fanno ricordare come dietro il disegno di una città e della sua qualità della vita piccoli segni possono fare molto.

Ma in questo scenario di spifferi natalizi si inserisce anche la propaganda non solo di chi sta al governo della città, a tutti i livelli, ma anche di chi si oppone.

E’ così che si festeggia il primo anniversario delle prime ruspe che risanano le baracche, la foto-ricordo di Natale al Consorzio autostrade che promette di mettere la parola fine nel 2022 agli svincoli e di sistemare la frana a Letojanni.

Niente di male,  se dietro queste opere non ci fosse un ritardo di decenni fatto di chiacchiere inutili e lavori pubblici che si ricordano solo per qualche approdo a Tremestieri, che non ha mai fatto il suo dovere fino in fondo, la zona oscura dei lavori degli svincoli, segnata con cifre a nove zeri.

Ecco, questo è quello che questa città ha vissuto: la macchina pubblica inceppata e il disegno di una città che fa paura: svincoli, ancora discorsi sul ponte, tir. Piccole cose restituiscono la speranza. E tanti fondi in arrivo grazie ad un’amministrazione che almeno i conti li sa fare. Messina ci riprovi. We wish you a merry christmas.

Si parla di

Spifferi e speranze natalizie su Messina

MessinaToday è in caricamento