Martedì, 19 Ottobre 2021
Riguardare con cura

Opinioni

Riguardare con cura

A cura di Domenico Barrilà

Il marito la tradisce ma il prete la invita a fare la brava moglie, Barrilà: “Ecco perchè le donne non hanno scampo”

Lo psicoterapeuta torna sul tema della parità di genere dopo l’omicidio a Caccamo della 17enne Roberta Siragusa: “Femminicidi frutto di una incultura. Ma il cancro si nasconde anche in parole gettate sul tavolo a fin di bene, che raramente vengono rivolte ai maschietti”

Oggi è il turno di Roberta Siragusa, 17 anni, del cui omicidio è indagato, almeno così sembra, il fidanzato, un diciannovenne. Una lite per questioni di gelosia, si dice. Speriamo a nessuno venga in mente che possa essere un’attenuante.   

Ragazza uccisa a Caccamo, il fidanzato non risponde al pm

Le ragioni, quali che siano, se mai ve ne fossero, non mutano i termini della questione, che è solo una, è inutile girarci attorno con psicologismi e sociologismi, soltanto una. Si tratta dell’idea, perversa, che un uomo possa sentire nella sua disponibilità la vita di una donna, per il solo fatto che lui è maschio e l’altra è femmina.

Il resto non conta niente, non ci sono argomenti di nessun altro genere che meritino di essere presi in considerazione, se non questa pretesa che viene tacitamente tollerata e della quale tutti dobbiamo ritenerci responsabili a qualche titolo.

Da circa un anno mi occupo di una ragazza di 30 anni, dopo dieci mesi di matrimonio aveva scoperto che il marito, un coetaneo, la tradiva.  Affrontati lo shock e la disperazione, prima di procedere alla separazione si è rivolta al sacerdote che li aveva sposati, il quale non aveva saputo fare di meglio che invitarla a comportarsi “da buona moglie”.

Il cancro si nasconde anche, ma non solo, in queste parole, gettate sul tavolo “a fin di bene”, esortazioni che, però, raramente vengono rivolte ai maschietti, da sempre possessori di bonus speciali, di ampi spazi di manovra, perché loro sono loro e le donne stanno al piano di sotto, come tutti, da sempre, ci diciamo senza dircelo, a cominciare da quelle mamme che stravedono per i figli maschi, il piatto principale, e trattano le femmine come una sorta di contorno.

Anche questo non si potrebbe dire, ma è meglio cominciare a gridarlo. 

Se non mettiamo un freno a questa insopportabile premessa, a questa cultura che puzza di incultura, anzi di ignoranza profonda, per le donne non ci sarà scampo, e Roberta sarà solo una tra le tante, una delle troppe donne che si fidano ciecamente degli uomini, spinte dalla loro tenera visione del mondo, dove c’è spazio per sogni romantici e cavalieri senza macchia, che purtroppo esistono solo nella narrazione di chi si ostina a tenere vivi quei sogni, che troppo spesso mutano in incubi.

*psicoterapeuta

Si parla di
Sullo stesso argomento

Il marito la tradisce ma il prete la invita a fare la brava moglie, Barrilà: “Ecco perchè le donne non hanno scampo”

MessinaToday è in caricamento