rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Riguardare con cura

Opinioni

Riguardare con cura

A cura di Domenico Barrilà

Insegnanti no vax possono tornare a scuola pagati per non lavorare, un crimine pedagogico e civile

La decisione che riammette i docenti, impedendogli di entrare in classe, è un provvedimento algebrizzante, in cui è complicato trovare un capo e una coda. I grandi se ne faranno una ragione, sanno che a volte ci si comporta come negli incontri di wrestling, che si fa finta. Per bambini e ragazzi, a cui chiediamo sempre di fare il loro dovere, sarà molto più complicato

Mi metto nei panni degli studenti italiani. Imparano “per contagio” anche dai loro insegnanti, nel bene e nel male. 

Mi metto nei loro panni e mi chiedo cosa penserei se i docenti non vaccinati fossero riammessi a scuola con la prescrizione di non insegnare, dal momento che non possono entrare in classe.  

Una soluzione che, prima di essere truffaldina, perché si pagherà qualcuno per non lavorare, è assolutamente antipedagogica. Chissà che diritto è un diritto al lavoro quando non è preceduto dal dovere alla tutela della salute altrui, a cominciare da quella dei minori, e dal rispetto per i colleghi che si sono allineati perché bisognava farlo, essendosi reso necessario anteporre l’interesse collettivo al proprio.  

Scrive una maestra elementare, mi chiede come fa a spiegarlo ai bambini della sua classe, vorrebbe trovare una logica, che non c’è, “faccio meno fatica a spiegare la guerra”, perché in quella, per quanto perversa, una logica la si trova. 

I bambini non possiedono la grazia del pensiero che chiamo “algebrizzante”, dove i più e i meno si inseguono, smentendosi in continuazione e richiedendo un’attenzione infinita a chi cerca di raccapezzarsi. 

Ecco, la decisione che riammette gli insegnanti non vaccinati a scuola, impedendo loro di entrare in classe, è un provvedimento algebrizzante, in cui è complicato trovare un capo seguito da una coda. I grandi se ne faranno una ragione, sanno che a volte ci si comporta come negli incontri di wrestling, che si fa finta. Per i bambini e per i ragazzi, a cui chiediamo sempre di essere seri e di fare il loro dovere, sarà complicato, molto più complicato, una sola cosa, però, sarà loro chiarissima, che c’è sempre una scappatoia per chi fa il furbo, e quindi non è necessario prendere troppo sul serio ciò che si decide, che i sacrifici sono facoltativi.   

Questo è ciò che devono sapere coloro che si sono inventati tale bella pensata, in omaggio a chissà quali pressioni e per onorare chissà quali compromessi. Devono avere chiaro che il capolavoro di diseducazione civica da essi apparecchiato segna più del Covid-19 l’anno scolastico 2021-22, macchiandolo in modo indelebile e rovinando il lavoro della grande parte di genitori, insegnanti, educatori, quelli veri, che in questi due anni si sono fatti interpreti e garanti di deliberati scomodi, ma necessari, che si sono assunti mille fatiche, compreso l’onere dell’impopolarità, salvando il principio al quale dobbiamo ogni cosa. L’interdipendenza.

Voce del verbo stare

Si parla di
Sullo stesso argomento

Insegnanti no vax possono tornare a scuola pagati per non lavorare, un crimine pedagogico e civile

MessinaToday è in caricamento