Mercoledì, 16 Giugno 2021
#UNMINUTODILIBRI

Opinioni

#UNMINUTODILIBRI

A cura di Eliana Camaioni

#unminutodilibri con "Fuoco al cielo" di Viola di Grado, un viaggio fuori dal mondo ai confini con la Siberia

La passione che rafforza e divora, è il farmaco che li tiene in vita in mezzo ai resti di una natura satura di veleno

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'amore o quello che era, quella cosa forte e buia, che non avevano chiesto, era di nuovo in circolo". Ispirato a una storia vera, "Fuoco al cielo" di Viola di Grado trascina il lettore a Musljumovo, un villaggio fuori dal mondo ai confini con la Siberia, cancellato dalle mappe nella post devastazione di tre catastrofi nucleari: è qui che Vladimir e Tamara, un infermiere e un'insegnante, consumano un quotidiano difficile e distopico. La loro passione li rafforza e li divora, è il farmaco che li tiene in vita in mezzo ai resti di una natura satura di veleno.

Si parla di

#unminutodilibri con "Fuoco al cielo" di Viola di Grado, un viaggio fuori dal mondo ai confini con la Siberia

MessinaToday è in caricamento