#UNMINUTODILIBRI

#UNMINUTODILIBRI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Covid, lo psicoterapeuta Barrilà: “Un nemico che sovverte la natura dell'uomo cooperativa e solidale”

Nel nuovo saggio “#Noirestiamo insieme” la forza dell'interdipendenza che modella psiche e società: “Allontanarsi è diventato il nuovo modo di essere solidali ma è un atto innaturale che ribalta regole connaturate all'essere umano sin dalla notte dei tempi. Con effetti deleteri sul lungo periodo”

 

Perché l’impegno cooperativo è la forma più geniale di competizione? qual è il vero altruismo e quali i suoi vantaggi? ma soprattutto: perché chiedere aiuto è un atto di forza e di coraggio?

Domenico Barrilà, psicoterapeuta e analista adleriano, è impegnato da oltre trentacinque anni nell'attività clinica, che accompagna con una produzione editoriale dalla quale sono scaturiti una ventina di fortunati volumi, diversi tradotti all'estero. Da sempre coltiva un forte interesse per la responsabilità sociale della psicologia, e quello della cooperazione fra individui è un filone che si ritrova spesso nel suoi saggi.

In questo nuovo volume edito da Feltrinelli, #Noirestiamo insieme – La forza dell’interdipendenza”, trova però la sua analisi più completa e brillante mostrando pagina dopo pagina la “strettissima relazione che esiste fra individui e popoli” e come la “cooperazione modella la psiche e la società, mentre l’individualismo distrugge l’una e l’altra”.

Cominciato a scrivere prima della pandemia, “#noi restiamo insieme” è diventato così un manuale quanto mai urgente e attuale. Perché in un momento storico come quello che stiamo vivendo, in cui gli altri per noi sono diventati un pericolo, stiamo assistendo a una vera e propria rivoluzione antropologica, che sovverte la natura più propria dell’uomo, quella cooperativa e altruistica: che l’allontanarsi sia diventato il nuovo modo di essere solidali è un atto del tutto innaturale, che sovverte le regole ancestrali connaturate all'essere umano sin dalla notte dei tempi. Con effetti deleteri sul lungo periodo: “Quando si rompono legami cooperativi così intrecciati” avverte Barrilà “gli acrobati sul palcoscenico della vita rimangono privi di rete e ogni caduta può essere letale”.

Un saggio che affronta argomenti che stanno molto a cuore all’autore, che nutrono la coscienza di ognuno e rispondono a molte delle domande che quotidianamente ciascuno di noi si trova ad affrontare: “Desideravo mettere in rilievo la strettissima relazione che esiste fra individui e popoli” spiega l’autore nella sua prefazione “come i movimenti di uno determinassero reazioni complementari da parte di un altro, anche quando certi effetti non si colgono immediatamente”.

“E’ fondamentale, oggi più che mai – conclude l’autore – ricercare l’interdipendenza e ricordare che la riconoscenza edifica la nostra vita e le nostre comunità, perché i sentimenti sono un’evoluzione di un sano spirito cooperativo e – last but not least - si riparte solo restando insieme. Anche in tempi di covid”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MessinaToday è in caricamento