rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Casi Covid tra Quartieri e uffici comunali, appello per prevenire i contagi tra gli impiegati

Il sindacalista del Csa Gaetano Giordano è tornato a scrivere all'amministrazione per le misure di prevenzione da adottare a tutela del personale e in particolare del Corpo di polizia municipale, l'assessore Musolino ha risposto su come sta intervenendo Palazzo Zanca

Tre dipendenti contagiati dal coronavirus agli uffici del Sesto Quartiere, altrettanti all'ufficio Ced di Palazzo Zanca con il Covid che si è insinuato pure all'Urp, l'ufficio relazioni con il Pubblico senza dimenticare i circa 20 casi nella polizia municipale. Il coronavirus tocca pure gli impiegati comunali. Sul caso interviene il sindacalista del Csa Tanino Giordano: "Mentre gli stabili comunali aspettano ancora la sanificazione dei locali e il virus si propaga indisturbato, oltre ad una ventina di casi accertati da inizio quarta ondata nel Corpo di polizia municipale, il focolaio prende piede anche alla sesta circoscrizione con 3 casi covid accertati e tutto questo a fronte di un'amministrazione sorda e cieca nei confronti dei dipendenti comunali". Giordano ha richiesto chiarimenti anche sull'utilizzo delle mascherine Ffp2 nei luoghi di lavoro e in particolare quelli a contatto con il pubblico nella prevenzione del contagio tra il personale di Palazzo Zanca e degli uffici periferici. Giordano ha scritto ai dirigenti comunali e agli assessori Massimo Minutoli e Dafne Musolino

Ieri sera l'assessore Musolino in una nota di replica ma all'intervento della Funzione Pubblica Cgil su quali interventi sta adottando l'amministrazione per prevenire i contagi ha scritto: "È sottinteso che a seguito dell’emanazione del Decreto legge. n.1 del 07.01.2022, il quale richiede il possesso del super Green pass per l’accesso ai pubblici uffici, i controlli subiranno un adeguamento finalizzato al pedissequo rispetto delle nuove disposizioni per limitare l’ulteriore ondata pandemica. Pertanto, si ritiene del tutto infondata l’accusa relativa alla pretesa assenza di sanificazione dei locali. Rammentiamo infatti, che vengono disposte ed eseguite sanificazioni dei locali ogni volta in cui viene denunciato un caso di positività tra i dipendenti comunali. L'otto gennaio 2022 è stata effettuata un'azione di sanificazione straordinaria negli stabili di Palazzo Zanca; in quelli dei Servizi Sociali in via F. Bisazza; della Palazzina uffici cimiteri in via Catania; e nei locali di Palazzo Weigert in via Argentieri. L’attività di sanificazione programmata dall’Amministrazione comunale – precisa l’assessore – proseguirà sabato 15 gennaio nei locali del Palacultura di viale Boccetta; negli uffici dell’Urbanistica siti in piazza Vittoria; in quelli di Palazzo Satellite a piazza della Repubblica; e nello stabile della Mobilità Urbana in via La Farina. Relativamente poi alla questione sulla pretesa mancanza di mascherine si rileva che trattasi di una chiassosa alzata di toni per esasperare gli animi, in quanto quelle chirurgiche sono disponibili ed in continua dotazione al personale dipendente, come previsto dalla normativa in atto vigente. Stante il recente D.L. n.1 del 07.01.2022, che introduce l’obbligo delle mascherine FPP2 esclusivamente in alcune particolari condizioni, si rappresenta che ad oggi tale obbligo non è vigente per le fattispecie individuate dalla sigla sindacale. Nonostante ciò la Direzione Generale ha già attivato la fornitura su MEPA delle mascherine FPP2 che saranno acquistate per tutto il personale dipendente". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casi Covid tra Quartieri e uffici comunali, appello per prevenire i contagi tra gli impiegati

MessinaToday è in caricamento