Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca

Omicidio Alfano, rigettata la richiesta di revisione del boss Gullotti

La decisione è della Corte d’assise d’appello di Reggio Calabria, la figlia Sonia Alfano: “Si penta e dica la verità sull’omicidio di mio padre”

La Corte d’assise d’appello di Reggio Calabria, presidente Filippo Leonardo, ha rigettato la richiesta di revisione del processo a carico di Giuseppe Gullotti per l’assassinio del giornalista Giuseppe (Beppe) Alfano, avvenuto l’8 gennaio del 1993 a Barcellona Pozzo di Gotto. Resta, quindi, la condanna a 30 anni per Gullotti. La figlia del giornalista, Sonia Alfano, con una dichiarazione all’Agi ha lanciato un invito al boss. “Deve pentirsi – ha detto - È arrivato il momento che Gullotti la smetta di ricorrere a certi mezzi, si penta. Non può fare altro, se non dire tutta la verità sull’omicidio di mio padre e chi lo ha commissionato”.

A uccidere il giornalista, corrispondente del quotidiano “La Sicilia” dalla città del Longano, sarebbe stato un mafioso del luogo, Antonino Merlino, che fece fuoco tre volte contro Alfano con una pistola calibro 22, colpendolo al viso, mentre la vittima si trovava da sola dentro la sua autovettura parcheggiata in una strada della cittadina del Messinese. 

Il Collegio ha anche disposto la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali, in duemila euro, in favore delle parti civili, ovvero la moglie Mimma Barbaro, i figli Sonia, Francesco e Fulvio Alfano. L’inchiesta giudiziaria portò all’individuazione del mandante del grave fatto di sangue, il rappresentante di Cosa nostra a Barcellona Pozzo di Gotto, Giuseppe Gullotti – condannato a 30 anni di carcere nel 1999 -  riferimento su quel territorio delle grandi ‘famiglie’ mafiose di Palermo e di Catania, per conto delle quali gestiva gli affari legati alla costruzione dell’autostrada Messina-Palermo, e curava le latitanze dei capi mandamento, come Nitto Santapaola, in una zona ritenuta tranquilla dagli inquirenti e individuata come ‘Sicilia babba’, frutto della convinzione che non vi fosse operante alcuna cosca mafiosa del livello criminale catanese e palermitano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Alfano, rigettata la richiesta di revisione del boss Gullotti
MessinaToday è in caricamento