rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Rissa tra giovani finita a coltellate, resta in carcere Panarello

Il giovane, accusato di aver ferito due coetanei lo scorso 23 gennaio, si era dichiarato innocente. Ma il giudice si è opposto alla richiesta di concedergli i domiciliari. Il retroscena dalle intercettazioni: "O vado in galera o mi ammazzano"

Resta in carcere Samuele Panarello, il giovane accusato di aver accoltellato due ragazzi di 20 e 24 anni al termine di una rissa avvenuta lo scorso 23 gennaio tra via Garibaldi e piazza Duomo. Il gup Tiziana Leanza ha infatti respinto la richiesta della difesa, affinchè al 18enne venissero concessi i domiciliari con braccialetto elettronico. Un'istanza presentata dopo che lo stesso 18enne aveva respinto l'accusa di tentato omicidio durante l'interrogatorio di convalida. Ad assisterlo l'avvocato Ilaria Intelisano che verosimilmente nelle prossime chiederà il Riesame.

I fatti risalgono al 23 gennaio scorso. Panarello si sarebbe recato sul luogo del ferimento armato di un coltello e, al culmine di una lite, avrebbe colpito all’addome, con un fendente potenzialmente letale il 24enne, successivamente soccorso da alcuni amici e poi accompagnato in ospedale dove è stato operato. Lievi ferite invece per la ragazza di 20 anni coinvolta nella presunta aggressione. L' episodio, avvenuto durante la movida, aveva destato un significativo allarme sociale in tutta la città.

Dalle intercettazioni è emerso il dramma vissuto nei mesi successivi dallo stesso Panarello. Secondo gli investigatori, il 18enne sarebbe stato al centro di una vendetta, scattata dopo il ferimento dei due ragazzi. C'era chi voleva fargliela pagare, arrivando a gesti intimidatori anche contro i familiari, come quando ignoti espolosero un colpo di pistola contro la finestra della nonna. E al telefono con il padre Panarello esprimeva tutta la sua paura: "So che io o vado in galera o sono morto" ha detto telefonicamente manifestando l'idea di voler lasciare Messina. Una caccia all'uomo che non è finita neanche dopo il plateale pentimento mostrato dall'indagato: "a quello [...] si è inginocchiato e gli ha baciato le mani".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa tra giovani finita a coltellate, resta in carcere Panarello

MessinaToday è in caricamento