Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca

Palagiustizia bis, acquistati i due immobili: oggi la firma del contratto

Si tratta delle ex sedi della Cassa di Risparmio e del Banco di Roma. L'iter dei lavori di ristrutturazione e di adeguamento è stato fissato in 14 mesi

Oggi il Comune di Messina, alla presenza del sindaco Federico Basile, ha firmato il contratto di acquisto dei due palazzi storici di via Garibaldi che diventeranno sede del secondo Tribunale della Città. “Una pietra miliare apposta stamani in tempi rapidissimi”, il commento del Sindaco Basile, ricordando “ il 2 agosto scorso il voto favorevole del Consiglio comunale sulla proposta di deliberazione relativa all’acquisizione dei due immobili, la Cassa di Risparmio e l’ex Banco di Roma, e a poco più di 5 giorni la firma del contratto di acquisto - prosegue Basile - per la realizzazione di un’opera che rappresenta un traguardo fondamentale nel corso della storia amministrativa della Città, un vero punto di svolta”.

“Dopo trent’anni di discussioni e ragionamenti inutili, la svolta sulla telenovela Palagiustizia viene impressa nell’agosto 2021 con l’amministrazione De Luca, grazie all’avvio della procedura di una manifestazione di interessi lanciata dalla Partecipata Patrimonio Messina SpA; e oggi nel solco della continuità amministrativa e dell’amministrazione del fare con Basile Sindaco, siamo soddisfatti e certi di poter dire che Messina sta cambiando e che Messina guarda al futuro”, conclude il Primo cittadino.

Relativamente al progetto per la realizzazione del nuovo palazzo di giustizia, l’iter dei lavori di ristrutturazione e di adeguamento è stato fissato in 14 mesi.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palagiustizia bis, acquistati i due immobili: oggi la firma del contratto
MessinaToday è in caricamento