rotate-mobile
Cronaca

Coltellata alla gola in discoteca, la Cassazione annulla con rinvio la condanna

Il processo a carico del 21enne Emanuale Arcolaci, condannato a 8 anni e 8 mesi di reclusione in appello con l’accusa di tentato omicidio

Annullata dalla Cassazione con rinvio in Corte d’appello la condanna del 21enne Emanuele Arcolaci, protagonista dell’aggressione avvenuta in discoteca a Villafranca Tirrena, la notte del 29 gennaio dello scorso anno.

La prima sezione penale ha annullato con rinvio accogliendo la richiesta del legale Salvatore Silvestro che nel suo ricorso chiede la riqualificazione del reato per il giovane riconosciuto alla fine del processo in abbreviato e poi in appello colpevole dell’accusa di tentato omicidio e porto abusivo di coltello.

Secondo la ricostruzione all’interno della discoteca, ricavata nell’area ex Pirelli, il ventenne ha sferrato un fendente alla gola di un 22enne per poi abbandonare di corsa la discoteca. A dare l’allarme la security mentre il giovane veniva trasportato d’urgenza al Policlinico di Messina in gravi condizioni anche se non in pericolo di vita: il fendente gli aveva sfiorato la carotide.

La vittima, qualche giorno dopo, assistito dall’avvocato Giuseppe Ventura Spagnolo, aveva raccontato agli inquirenti come erano andate le cose quel 29 gennaio scorso quando quella che doveva essere una nottata di divertimento.

Arcolaci era stato condannato in appello a 8 anni, 8 mesi e 20 giorni e la pagamento di una provvisionale di diecimila euro in favore della parte civile.

La Corte d’appello di Messina dovrà ora valutare solo se sussistono le aggravanti della minorata difesa e se c’è la possibilità di valutare le attuanti generiche. Rimane invece il "tentato omicidio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coltellata alla gola in discoteca, la Cassazione annulla con rinvio la condanna

MessinaToday è in caricamento