menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcune delle immagini allegate nell'esposto

Alcune delle immagini allegate nell'esposto

Strage di alberi, monta la protesta di Italia Nostra e Legambiente: denuncia in procura

Abbattimenti e capitozzature nel mirino degli ambientalisti che hanno già chiesto chiarimenti su circa 50 esemplari di Eucalipto spariti lungo la via Catania. Le segnalazioni anche per la via Cesare Battisti

Più che interventi di potatura sembra sia passato Jack lo Squartatore. Una polemica che cresce sempre più quella sugli interventi di potatura in città e che ora sembra avere anche uno sbocco in procura.

Legambiente e Italia Nostra hanno presentato una denuncia in procura, alla soprintendenza e Ispettorato foreste chiedendo accertamenti sull’abbattimento degli alberi di alto fusto di via Cesare Battisti e via Catania. Ma è l’intera gestione del patrimonio arboreo e arbustico che finisce sotto accusa.

La denuncia dopo le segnalazioni di alcuni cittadini. Una il 9 aprile contro l’abbattimento, apparentemente ingiustificato, di unalbero in via Cesare Battisti, l’altra, l’11 aprile, per la “capitozzatura” dei tigli in via Cadorna ma sono circa 50 gli esemplari di Eucalipto abbattuti lungo la via Catania per i quali Legambiente Messina ha chiesto ripetutamente chiarimenti alle autorità competenti.

“A seguito di tali tagli – si legge nella nota -  in sostituzione degli alberi abbattuti, non è raro vedere la messa a dimora di piante di ordine di grandezza notevolmente inferiore (come ad esempio gli Oleandri in via Cesare Battisti) e comunque ancora molto giovani ed esili (come le Jacarande e le Pawlonie di via Catania)”.

Il  presidente di Legambiente Sicilia e Messina, rispettivamente Gianfranco Zanna e Cinzia Oliva e il presidente di Italia Nostra Sicilia e Messina, Leandro Janni e Annalisa Raffa chiedono ora di accertare se gli alberi abbattuti erano a rischio crollo, se l’abattimento è avvenuto nel rispetto delle norme del Prg e del regolamento edilizio cittadino che prevede che prevede l’autorizzazione del sindaco nonchè la sostituzione con alberi possibilmente della stessa grandezza.

Gli ambientalisi, che ricordano anche le tutele per le alberate di particolare pregio paesaggistico, monumentale, storico e culturale, puntano il dito anche sugli interventi di capitozzatura, considerate patiche inaccettabili in quanto predispongono la pianta a rotture, distruggono uova e nidi disturbando la specie avifaunistiche in periodo di nidificazione.

Legambiente e Italia Nostra chiedono anche di valutare il danno erariale in riferimento all’eventuale appalto dei lavori e “di accertare ed eventualmente perseguire ai sensi di legge gli eventuali responsabili del precario stato di salute degli alberi cittadini e dei presunti illegittimi tagli operati. Chiediamo inoltre di essere informati in caso di archiviazione.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Contouring , la tecnica makeup per valorizzare il tuo viso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento