rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Cronaca Milazzo

La 'guerra degli alberi' di piazza Marconi, Legambiente: "C'è vincolo Soprintendenza, inizio lavori sarebbe illecito"

L'area è tutelata dal Piano Paesaggistico e serve il parere dell'organo regionale per qualsiasi intervento. In bilico il progetto del Comune di riqualificare la piazza con la rimozione di 135 arbusti

Restano accesi i riflettori sui lavori di riqualificazione di piazza Marconi, lo storico slargo di Milazzo in cui ricade la ex stazione ferroviaria e dove fino a poco tempo fa zampillava una storica fontana. Legambiente e Italia Nostra tornano sull'argomento dopo aver sollecitato l'intervento della Soprintendenza ai Beni Culturali in vista dell'apertura del cantiere che dovrebbe portare alla rimozione di 135 alberi. L'organo regionale, presieduto da Mirella Vinci, lo scorso 28 febbraio ha chiarito in una nota che l'area è tutelata dal Piano Paesaggistico e che pertanto qualsiasi intervento si intenda effettuare necessità di autorizzazione. La Soprintendenza chiarisce comunque che gli arbusti non possono essere considerati "Monumentali" poichè non presentano caratteristiche di rarità e vetustà e non sono legati ad eventi storici significativi. 

Alla luce di ciò, secondo gli ambientalisti, "dare inizio ai lavori sarebbe illecito e potenzialmente tale da dare luogo a rilevanza penale". Nella nota Legambiente Sicilia e del Tirreno chiede dunque all'amministrazione comunale di rivedere il progetto in modo che siano conciliati i valori di conservazione della fontana, delle alberature di pregio e della forma architettonica e storica della piazza". Da qui l'invito al Comune di sospendere l'iter di realizzazione dei lavori considerando i pareri obbligatori e tenendo conto del sentimento della comunità milazzese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La 'guerra degli alberi' di piazza Marconi, Legambiente: "C'è vincolo Soprintendenza, inizio lavori sarebbe illecito"

MessinaToday è in caricamento