Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Alberi secolari tagliati e strade in deroga alla normativa che protegge il Monte Scuderi: l'esposto di Legambiente

A Gualtieri Sicaminò il gruppo segnala manomissioni ambientali lungo la contrada Milia, una Zona Speciale di Conservazione dove le azioni illecite hanno contaminato l'area

Una nuova pista di accesso in fondi privati, una recinzione con paletti in cemento, alberi, fra cui un noce secolare e diversi esemplari di castagni e querce, tagliate. Legambiente vuole vederci chiaro sulle recenti azioni eseguite nella contrada Milia a Gualtierà Sicaminò, in provincia di messina. Si tratta di un'area ricadente nella Zona Speciale di Conservazione del Monte Scuderi che riveste notevole interesse naturalistico per la presenza di ricche formazioni boschive decidue. 

La fitta vegetazione del sottobosco, con rilevanti spece di felce, infatti, rappresentano un'area montana della catena dei Peloritani con aspetti di vegetazione rari e peculiari. Le attività incontrollate di taglio e deforestazione, le manomissioni antropiche tra cui l’apertura di nuove strade sono state elencate tra le principali minacce al sito. Il gruppo vuole vederci chiaro per verificare se è stata effettuata la necessaria procedura di valutazione di incidenza e se i lavori risultano autorizzati. 

Legambiente ha infatti presentato un esposto alla Forestale competente, ma anche alla procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alberi secolari tagliati e strade in deroga alla normativa che protegge il Monte Scuderi: l'esposto di Legambiente

MessinaToday è in caricamento