rotate-mobile
Cronaca

Tentato rapimento di bambini, rientra l'allarme: "Evitiamo la psicosi, attenzione massima su tutto il territorio"

La Prefettura, insieme all'amministrazione comunale, ne hanno discusso in un tavolo tecnico disponendo l'incremento delle misure di controllo ma ribadendo che non esistono dati concreti a supporto di questo tam tam di messaggi e segnalazioni. Gioveni: "Aiutiamo a non procurare notizie false"

Denunce circostanziate e nessun riscontro pratico nel corso delle indagini. Il tam tam di messaggi e segnalazioni legate al presunto pericolo di rapimento di bambini da parte di una "banda di rumeni" in alcune zone della città è stato oggetto di un tavolo tecnico in Prefettura a cui ha partecipato anche l'amministrazione comunale e la cui discussione è approdata questa mattina a Palazzo Zanca nel corso di una commissione consiliare. 

A rassicurare i consiglieri in merito alle misure messe in atto per tutelare i cittadini e a invitare tutti a smorzare gli animi sulla potenziale "fake news" è stato il vicesindaco Salvatore Mondello, insieme al comandante della Polizia metropolitana Giovanni Giardina. Le misure messe in campo dalle forze dell'ordine che hanno rafforzato i controlli in prossimità degli istituti scolastici restano confermate, ma l'invito, ora, è a non procurare allarme prendendo le distanze dalla psicosi che si sta diffondendo sul web. 

L'appello proviene proprio dal consigliere Libero Gioveni, capogruppo di Forza Italia, che, nei giorni scorsi, si era intestato la battaglia chiedendo un intervento massiccio delle istituzioni finalizzato ad incrementare le misure di sicurezza dei cittadini. "La presenza della banda di persone che tentano di rapire i bambini è presunta lo sottolineo tre volte - ha detto - Aiutate tutti noi a smentire delle notizie che possono essere considerate false o esagerate e mettono in allarme tante famiglie". 

A parte due denunce formali e circostanziate, infatti, non sarebbe emerso nient'altro. "Non c'è nulla e lo chiarisco per le persone che hanno manifestato preoccupazione - ha detto ancora Gioveni - Dobbiamo adesso collaborare insieme per tentare di limitare questa circolazione di messaggi social, tik tok, whatsapp che procurano allarme". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato rapimento di bambini, rientra l'allarme: "Evitiamo la psicosi, attenzione massima su tutto il territorio"

MessinaToday è in caricamento