Stromboli, prova del nove per i nuovi sistemi di allerta tsunami: previsti nuovi potenziamenti

Solo una sirena su sei non ha funzionato e si procederà con un intervento tecnico. Anche a Panarea ha funzionamento l’impianto sonoro. Tocca ora alla Protezione civile predisporre un incremento numerico per le segnalazioni in tutto l'arcipelago

La protezione civile a Stromboli

Si è svolto senza intoppi il test operativo annunciato nei giorni scorsi,sul sistema di allertamento sonoro tramite sirene per le segnalazioni di rischio tsunami e di imminente esplosione parossistica del vulcano, che hanno coinvolto Stromboli, la frazione di Ginostra e Panarea.

La simulazione si è svolta serenamente la popolazione era stata adeguatamente informata della simulazione e ha reagito favorevolmente, grazie anche all’indispensabile lavoro della Protezione Civile Nazionale e Regionale, del VIS – Volontari Isola di Stromboli e dei volontari della Protezione Civile Comunale, che hanno garantito la loro presenza in più punti dell’Isola per fornire informazioni oltreché dare assistenza ai tecnici.

L’esito è stato più che positivo, sia per quel che riguarda il funzionamento dell’attivazione automatica attraverso il collegamento con le boe posizionate in prossimità della Sciara del Fuoco, sia per quella manuale: 5 delle 6 sirene attivate su Stromboli hanno dimostrato piena funzionalità; su una è già stato previsto un intervento tecnico di ripristino. Anche su Panarea si è registrato un buon funzionamento dell’impianto sonoro mentre si interverrà su quello di allertamento attraverso sirene.

Tocca adesso alla Protezione Civile Regionale, già attiva in tal senso, predisporre il piano di incremento del numero di sirene presenti sul territorio che, alla luce di quanto oggi si è potuto rilevare, possa permettere di far giungere il suono di allerta in maniera ottimale in tutte le zone dell’Isola di Stromboli e, come segnalazione, anche su tutte le altre dell’Arcipelago.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un caso a Messina ma non è il ceppo "cinese": "Nessun allarme"

  • Da alcuni giorni non si avevano più sue notizie, anziana trovata cadavere in via del Carmine

  • Il calvario di Gianluca Trimarchi sta per finire, tra due mesi previsto il ritorno a Roccalumera

  • Cede un tombino in via Dei Mille, 57enne sprofonda per cinque metri

  • "Abusi sessuali su paziente dopo averla drogata", infermiere del Policlinico in ferie forzate

  • Sorpresi a fare sesso in piazza Repubblica: multa e daspo per una coppia focosa

Torna su
MessinaToday è in caricamento