Cronaca

Emergenza abitativa, famiglia esclusa dagli alloggi fa ricorso al Tar: il Comune dovrà rivedere la pratica

Entro trenta giorni il nuovo esame. Non è il primo caso che vede l'amministrazione soccombere e che potrebbe ora incidere in modo determinante sulla gestione dell’assegnazione in deroga degli appartamenti

Esclusi dal Comune come non aventi diritto, vincono una prima tappa della loro battaglia al Tar. Si tratta di una famiglia – difesa dall’avvocato Annalisa Giacobbe - genitori anche di due bimbi con spettro autistico, in emergenza abitativa che secondo il Comune non avevano diritto all’alloggio. Il Tribunale amministrativo di Catania ha invece disposto diversamente e ora il Comune dovrà entro trenta giorni riesaminare la questione.

La famiglia aveva occupato abusivamente un alloggio comunale, hanno tre figli minori. Hanno chiesto aiuto al Comune ma non è stato riconosciuto il loro diritto all''assegnazione dell'alloggio in deroga. Un diniego che ha comportato anche la perdita del sussidio dell'Inps legata ai figli con disabilità, perché cancellati dal'anagrafe comunale e dunque senza residenza anagrafica.

Il Tar ha accolto la domanda cautelare avanzata dalla famiglia con il ricorso e ha chiesto al Comune di riesaminare la richiesta entro trenta giorni. Il 24 marzo la decisione dei giudici del Tribunale amministrativo.

Non è il primo caso che vede il Comune soccombere e che potrebbe ora incidere in modo determinante sulla gestione dell’assegnazione in deroga degli appartamenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza abitativa, famiglia esclusa dagli alloggi fa ricorso al Tar: il Comune dovrà rivedere la pratica
MessinaToday è in caricamento