rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Cronaca

Ambulanze senza medico a bordo, Lo Giudice: "La Regione intervenga con urgenza"

Il deputato di Sicilia Vera interroga Musumeci e Razza. E avverte. "Eventi tragici come quello di Sant’Agata di Militello, dove un giovane ciclista è morto senza che potesse ricevere adeguata assistenza per l’assenza di un medico a bordo, non devono più ripetersi”

Riesplode la polemica sulle carenze di medici a bordo delle ambulanze del 118. A prendere posizione dopo l'ultimo caso a sant'Agata di Militello, è il deputato regionale Danilo Lo Giudice, che ha presentato una interrogazione urgente al presidente Nello Musumeci e all’assessore Ruggero Razza, affinché sia potenziata la dotazione organica di medici soccorritori a servizio del 118.

“Il Governo Regionale deve intervenire affinché a bordo delle ambulanze del 118 siano sempre presenti medici soccorritori. Eventi tragici come quello di Sant’Agata di Militello (per citare il più recente tra innumerevoli episodi), dove un giovane ciclista è morto senza che potesse ricevere adeguata assistenza per l’assenza di un medico a bordo, non devono più ripetersi”, spiega Lo Giudice che nel documento ricorda che “da diverso tempo, a causa della  carenza d’organico le ambulanze sono spesso  sprovviste di medico, operando solo con l'autista  e il soccorritore, figure necessarie ma impossibilitate a fare diagnosi e/o a somministrare farmaci”.

Il deputato di Sicilia Vera sottolinea che una recente nota diramata dall’assessore alla Salute comunica che dopo 16 anni è stato rinnovato il contratto per l’emergenza sanitaria territoriale, elencando una lunga serie di benefit ed incrementi retributivi per il personale già in servizio.

“Pur apprezzando questi provvedimenti – sottolinea Lo Giudice – non si può non rilevare che questi interventi non incidono sul numero di medici soccorritori in servizio, elemento fondamentale per la efficacia degli interventi di emergenza."

“Nonostante vi siano decine di medici in servizio, che hanno acquisito una lunga  esperienza sul campo - prosegue Lo Giudice - non si può non sottolineare la necessità di assumere un maggior numero di medici a servizio delle ambulanze del 118, affinché si possa intervenire efficacemente negli scenari di emergenza più disparati, quali incidenti stradali, infarti, ictus, annegamenti, emergenze neonatali e pediatriche."

Lo Giudice invita a una attenta rimodulazione del servizio affinché venga garantita la prima assistenza ad ogni cittadino.

"Le soluzioni andrebbero trovate con urgenza, adottando ogni utile provvedimento volto a potenziare il bacino dei medici in servizio sulle ambulanze medicalizzate del 118, eventualmente autorizzando a svolgere dei turni nel sistema emergenza/urgenza anche ai medici abilitati a fare medicina d’urgenza nel 118 e nei pronto soccorso e che attualmente prestano la loro attività nella medicina di base. Oggi la soluzione, anche se provvisoria, deve essere veloce e per affrontare il caotico agosto e per garantire ai cittadini l’adeguato soccorso. Ogni soluzione andrebbe adottata tenendo presente che gli operatori sanitari vedono lesi i loro diritti ogni giorno rinunciando spesso, nonostante abbiano le competenze, a svolgere servizi carenti di organizzazione e tutela."

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambulanze senza medico a bordo, Lo Giudice: "La Regione intervenga con urgenza"

MessinaToday è in caricamento