Cronaca

Punto nascita Sant'Agata Militello, Uil: "Perché continuano i ritardi per la riapertura"

La nota del sindacato e di un comitato civico. Ancora poco chiaro il futuro del presidio a tre mesi dalla chiusura. Pronte eclatanti azioni di protesta

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

“Continua lo sconcertante balletto intorno alla riapertura del Punto Nascita di S. Agata Militello. A distanza di tre mesi dalla sospensione dell’evento nascita, alle popolazioni dei Nebrodi: non bastano le promesse dell’Assessore;  le dichiarazioni del Direttore Generale dell’ASP sulla presunta “affannosa ed incessante” ricerca di medici che, però, non accettano di prendere servizio presso l’ospedale di S. Agata Militello”.

Lo scrivono in una nota stampa Mario Russo, presidente del Comitato civico “No alla chiusura del Punto Nascita”, Ivan Tripodi, segretario generale della Uil Messina, Pippo Calapai e Mario Salvatore Macrì, rispettivamente segretario provinciale e responsabile area medica Uil-Fpl.

“Ci chiediamo e l’assessore conosca le direttive che egli stesso emana in materia di fabbisogno del personale? Se il Direttore Generale conosca come devono essere applicate? Se le selezioni a tempo determinato sono state attivate, come dichiarato dallo stesso D.G., per riaprire il Punto nascita perché i medici vincitori non sono stati, prioritariamente, assegnati a S. Agata? C’è o non c’è un ordine di fabbisogno e priorità nella copertura dei posti? La funzione degli incarichi professionali a tempo determinato non è quella di fare fronte alle necessità di assicurare la funzionalità delle unità operative?

Perché gli infermieri, senza alcun interpello sulla scelta della sede preferita, vengono assegnati all’ospedale di  Taormina, comprese le donne in allattamento ed in gravidanza, pur in presenza di posti vacanti in ospedali più vicini alla loro residenza? Soltanto da qualche giorno è stato pubblicato il bando per  la ricerca di medici a rapporto libero professionale con scadenza al 30 dicembre p.v..

La UIL e la UIL FPL avevano prospettato, da subito, tale soluzione in analogia a quanto operato da altre aziende sanitarie anche della Sicilia”.

Poi gli scriventi pongono una serie di interrogativi. “Perché si è aspettato tanto tempo? Ma prima ancora siamo in attesa di altre risposte. Perché soltanto il 22 novembre scorso è stata inviata al Ministero della Salute la richiesta di deroga? Perché, per mesi, si sono presi in giro i cittadini dei Nebrodi assicurando che il Punto Nascita sarebbe stato salvaguardato mentre l’operato del governo regionale e del management dell’ASP ha operato in direzione opposta?

I cittadini dei Nebrodi hanno diritto di conoscere la verità sul Punto Nascita ed il Presidente della Regione, on. Nello Musumeci, l’assessore regionale della Salute, avv. Ruggero Razza, ed il Direttore Generale dell’ASP di Messina, dott, Paolo La Paglia, hanno il dovere di informarli per fugare ogni dubbio ed ombra sul loro operato. Nel caso in cui le scelte dovessero essere penalizzanti il Comitato, la UIL FPL e la UIL chiameranno i sindaci, gli amministratori comunali tutti, le forze politiche e sociali, la società civile a mettere in atto azioni di protesta, anche eclatanti, nei confronti del governo regionale per riaffermare il diritto   a fruire di una sanità efficiente, vicina ed attenta ai bisogni dei cittadini. La verità deve venire a galla” concludono Russo, Tripodi, Calapai e Macrì.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punto nascita Sant'Agata Militello, Uil: "Perché continuano i ritardi per la riapertura"

MessinaToday è in caricamento