Cronaca

Arriva l'app per segnalare blackout tra le strade cittadine

Saranno direttamente i cittadini a segnalare i guasti agli impianti di illuminazione pubblica. Il nuovo step dopo la sostituzione delle lampade con i nuovi led. Ogni palo sarà dotato di QRcode

Basteranno pochi secondi ai messinesi per segnalare guasti agli impianti di illuminazione della città. Il Comune ha infatti lanciato la nuova app "Messinluce", attiva 24 ore su 24 e sette giorni su sette ed in collegamento con il Dipartimento competente e l'impresa che cura la manutenzione.

L’app, dopo essere stata testata dal Servizio di Politiche Energetiche del Comune, è in atto già scaricabile sui cellulari Android, dalla piattaforma Google Play (https://play.google.com/store/apps/details…), e a brevissimo lo sarà per i cellulari IOS, dalla piattaforma Apple Store.

Lo strumento si inserisce nella complessiva ristrutturazione del sistema, sia degli impianti che della gestione, ristrutturazione avviata sul campo con l'attività di relamping e sull'architettura del sistema con il censimento georeferenziato degli impianti, primo passo per la targhettatura di ogni singolo punto luce, avviata di recente. Con il sistema di targhettatura e l'App Messinainluce il cittadino potrà individuare in maniera univoca il punto luce oggetto della segnalazione scattando con il proprio cellulare una semplice foto del QRCode riportato sull’etichetta applicata al palo della pubblica illuminazione, e segnalare il tipo di guasto con l’uso di un menù a tendina.

Il sistema permetterà al cittadino di avere riscontro della propria comunicazione, avvisandolo dell’apertura e della chiusura del ticket di segnalazione ai fini del conseguimento della customer satisfaction.

Tutte le funzioni dell’App Messinainluce sono comunque disponibili anche sul sito https://www.messinainluce.it/, dove possono essere fatte le medesime operazioni di segnalazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva l'app per segnalare blackout tra le strade cittadine

MessinaToday è in caricamento