Non si muore solo di Coronavirus, l'appello del signor Bruno “abbandonato” dai servizi sociali

Interessato della vicenda il sindaco Cateno De Luca, dopo l'intervento del consigliere Sorbello. Previste modifiche alla sospensione di MessinaSocilacity

Questo è il signor Bruno Maiorana. Ha un cancro e fa chemio da mesi. Un figlio con la sclerosi multipla e una moglie anziana.  Oggi ha atteso invano il servizio domiciliare della MessinaSocialcity sospesa per contenere i contagi del Coronavirus.

Maiorana - che in questo video parla dal letto di un ospedale dove fa terapia -  ha chiesto di capire con amara ironia se si possono sospendere anche tutte le altre patologie perché sembra che oggi si muoia solo di coronavirus.  L’appello, al sindaco, per studiare misure alternative a blocchi totali di servizi che sono, anche questi, indispensabili per le persone più fragili.

Natale in casa del signor Bruno: "Noi genitori dei disabili, dimenticati da tutti”

Maiorana si è rivolto anche al consigliere Sorbello che è intervenuto per chiedere al sindaco Cateno De Luca di risolvere questa dramatica situazione. Il sindaco si è impegnato a risolvere la situazione e ha interessato della vicenda l'assessore Calafiore mettendola in contatto con il cosngiliere comunale. Non sono escluse significative modifiche alle disposizioni di sospensione, quantomeno per il servizio di igiene e cura.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Non si muore solo di Coronavirus, l'appello del signor Bruno “abbandonato” dai servizi sociali

MessinaToday è in caricamento