Cronaca

Il bilancio della Città metropolitana supera i 300 milioni di euro, atto approvato: due anni fa era appena cinquanta milioni

In appena 24 mesi il documento contabile dell'ente di Corso Cavour ha avuto un notevole incremento

Si è riunita stamane, in presenza nel Salone degli Specchi di Palazzo dei Leoni e in remoto, la Conferenza Metropolitana per discutere e deliberare sui seguenti argomenti iscritti all’Ordine del giorno. Approvato il bilancio di previsione 2023/2025. 

L’assemblea dei Sindaci, presieduta dal Sindaco Metropolitano Federico Basile, alla presenza della Segretaria Generale dell’Ente Rossana Carrubba, della dottoressa Maria Grazia Nulli, Dirigente reggente della II Direzione “Servizi Finanziari e Tributari” e
del Presidente del Collegio dei Revisori Giuseppe Galati, ha approfondito gli aspetti salienti del documento contabile, in particolare, sono stati esaminati gli investimenti pubblici previsti che, anche in virtù dei finanziamenti legati al Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (PNRR), raggiungono la ragguardevole cifra di 308 milioni di euro, un dato in forte incremento rispetto a quello del 2022, che si era attestato sui 267 milioni, e ai 54 milioni del 2021.

Gli interventi previsti riguardano principalmente l’edilizia scolastica, la viabilità e le infrastrutture stradali, la tutela del territorio e dell’ambiente. Dopo un ampio dibattito in cui i Sindaci hanno sottolineato l’esigenza di una maggiore attenzione nei confronti delle problematiche del territorio e di una concertazione con i rappresentanti dei territori per definire le priorità degli interventi a fronte delle poche risorse disponibili, si è proceduto alla approvazione della ratifica del decreto sindacale sulla “Variazione urgente al Bilancio 2022/2024” e quindi alla approvazione del Bilancio della Città Metropolitana con 46 voti favorevoli, 5 astenuti ed un voto
contrario.

“Sono particolarmente soddisfatto per l’approvazione da parte della Conferenza metropolitana del bilancio di previsione 2023/2025” – ha affermato il sindaco Federico Basile – “si tratta di uno strumento che consentirà l’utilizzo delle somme disponibili e
l’avvio degli investimenti finanziati da trasferimenti o da risorse disponibili che consentono di evitare l’assunzione di nuovi mutui con la Cassa Depositi e Prestiti. Nel prossimo mese di luglio il Sindaco metropolitano avvierà un ciclo di incontri con i sindaci del territorio per avviare quella concertazione da più parti richiesta e definire insieme gli interventi da attuare. Ancora una volta ha prevalso lo spirito di coesione e collaborazione tra i sindaci finalizzato, al di la delle appartenenze, allo sviluppo dei territori della nostra provincia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bilancio della Città metropolitana supera i 300 milioni di euro, atto approvato: due anni fa era appena cinquanta milioni
MessinaToday è in caricamento