Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

L'aula dice si al Pums, Messina avrà più Ztl, piste ciclabili e isole pedonali

La delibera sul Pums passa grazie a 18 voti favorevoli. Pd e Ora Sicilia "alleati" con la maggioranza. Quattro ore di dibattito tra attacchi politici, confronti ed emendamenti poi il verdetto

Polemiche, attacchi politici ed emendamenti, ma alla fine la strada è tracciata: Messina ha il suo Piano per la Mobilità Sostenibile. Nel pomeriggio il consiglio comunale ha votato e approvato l'atto con cui cambierà il volto della città nei prossimi anni, tra isole pedonali, Zone a Traffico Limitato e piste ciclabili. Diciotto i voti favorevoli, undici quelli contrari con la sola astensione del consigliere Concetta Buonocore. Fondamentale l'apporto di Pd, seppur con quattro emendamenti, e Ora Sicilia "alleati" con la maggioranza a sostegno dell'amministrazione e quindi decisivi sull'esito della votazione. Resta perentorio il no al Piano di Fratelli d'Italia e dei consiglieri del gruppo misto. A difendere il progetto il vicesindaco e assessore alla Mobilità Salvatore Mondello, già protagonista di diversi interventi nelle settimane precedenti e pronto a replicare a dubbi, critiche e perplessità provenienti soprattutto dall'opposizione.

Mondello: “Il nuovo Piano mette al centro il pedone"

Dal Consiglio il via libera a cambiamenti importanti che rivoluzioneranno il modo di muoversi in città. Il primo passo sarà la definitiva realizzazione dell’isola pedonale del viale San Martino fra via Santa Cecilia e Piazza Cairoli. La sua estensione fino a Villa Dante resta al momento congelata dopo l'ok alla richiesta dei Dem di rinviare il discorso ai prossimi due anni. Novità anche per le tanto discusse piste ciclabili. Un percorso unico unirà Torre Faro a Villa Dante tramite la successione di tratti già esistenti o in corso di realizzazione, spazio poi a quelle promiscue anche in altri punti della città più periferici. Poi il capitolo Ztl con la creazione di varchi che delimiteranno il centro storico e impediranno l'attuale flusso di veicoli. L'obiettivo è rendere meno caotico il cuore della città dove al momento la proporzione è un parcheggio per quattro auto. Il Pums si integra con il Piano Urbano del Traffico ed è fondamentale per intercettare ulteriori finanziamenti necessari a realizzare infrastrutture e modifiche alla viabilità. 

Il commento del sindaco Basile e del vice Mondello: "Percorso virtuoso, superate logiche lontane dalla buona politica"

“Un percorso programmato a partire dal 2020 con la Giunta De Luca e con una prima adozione dell’Esecutivo di palazzo Zanca nel 2021, e completamento dell’iter nel corso del 2024 con l’approvazione da parte della Regione della VAS (Valutazione Ambientale Strategica), cui si aggiungono il Piano Parcheggi approvato nel 2019 e il Piano Generale del Traffico Urbano approvato nel 2022. La città vanta ora una triade virtuosa di strumenti di pianificazione strategica ed attuativa sulla mobilità”, così il sindaco Federico Basile e il vicesindaco Salvatore Mondello esprimono soddisfazione per il compimento di un percorso virtuoso in tema di mobilità urbana.

“Con questi importanti Piani, in un orizzonte temporale di medio lungo periodo - continuano Sindaco e Vicesindaco - Messina sviluppa una visione di sistema della città, della mobilità urbana e delle misure di mitigazione e di adattamento da attuare, proponendo il raggiungimento di obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Un ulteriore tassello a quanto realizzato rispetto al programma elettorale e in merito agli obiettivi chiave del PUMS ricorda ancora una volta Basile “sono accessibilità, sicurezza, qualità della vita e tutela dell’ambiente”. Questo è uno strumento che contribuisce a creare un contesto urbano in cui ogni cittadino si sente accolto e in sicurezza. L’approvazione del Piano è sicuramente un grande risultato ma soprattutto un grande inizio”, prosegue il vicesindaco e assessore alla Mobilità urbana Mondello. “Tantissime sono le azioni da attuare nel breve, medio e lungo termine. Il piano fungerà da linee guida per la realizzazione di tutti gli interventi sulle strade e sugli spazi pubblici, anche di semplice manutenzione, al fine di creare – spiega Mondello - una sinergia tra infrastrutture, servizi e politiche per la valorizzazione della mobilità sostenibile”.

“Vogliamo ringraziare tutti i consiglieri comunali che hanno permesso il raggiungimento di un grande traguardo per la città di Messina, superando inutili divisioni legate a logiche che nulla hanno a che vedere con la buona politica”, così concludono il sindaco Basile e il vicesindaco Mondello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'aula dice si al Pums, Messina avrà più Ztl, piste ciclabili e isole pedonali
MessinaToday è in caricamento