menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riapre l'area archeologica di Halaesa e l'Antiquarium di Milazzo, necessaria la prenotazione on line

L'assessore Samonà: “Il mio impegno è quello di favorire la progressiva riapertura dei luoghi della cultura affinché la nostra Isola possa offrire il meglio di sé in termini di valorizzazione della propria storia"

Riaprono domani al pubblico l'Area archeologica di Halaesa Arconidea, antica città siculo-greca nel territorio del comune di Tusa, e l'Antiquarium di Milazzo che si trova in un'ala del 'Quartiere degli Spagnoli', realizzato nel XVI secolo a difesa della 'cittadella fortificata', oggi rappresentata dall'altura dominata dal 'Castello'. I due siti, propongono una lettura dei dati forniti dalla ricerca archeologica condotta sul territorio della provincia di Messina a testimonianza anche delle culture pre-greche in Sicilia. L'apertura è prevista dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 20, con ultimo accesso alle 19.

L'ingresso è gratuito, ma per consentire il rispetto delle prescrizioni previste dal contenimento dell'emergenza Covid è necessario effettuare la prenotazione on-line attraverso l'App Youline, al sito https://youline.eu/laculturariparte.html.

"Le testimonianze storiche e archeologiche presenti in questi due significativi luoghi della cultura - dice l'assessore ai Beni culturali e all'identità siciliana, Alberto Samonà -ci consentono di leggere pagine particolarmente pregnanti dello sviluppo storico della Sicilia con testimonianze anche pre-elleniche. Il mio impegno è quello di favorire la progressiva riapertura dei luoghi della cultura affinché la nostra Isola possa offrire il meglio di sé in termini di valorizzazione della propria storia anche quale attrattiva turistico-culturale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Parità di genere, musica e confronto in diretta streaming

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento