Cronaca

Aggressione al dipendente comunale, identificato l'autore

Gli investigatori della polizia di Stato hanno individuato l'uomo, un imprenditore di Rometta, che ha ferito con calci e pugni l'architetto dell'Urbanistica. Prognosi di un mese per l'impiegato, nota della federazione Imprese balneari

Il sangue nel pavimento degli uffici comunali all'Urbanistica dopo l'aggressione

Il ferimento del funzionario dell'Urbanistica avvenuto ieri mattina potrebbe conoscere presto il volto dell'aggressore. La polizia, nei locali dell'aggressione erano intervenute le Volanti, ha già individuato l'imprenditore di Rometta che ha colpito con calci e pugni il dipendente pubblico per i ritardi - a quanto pare - legati a una pratica per l'installazione di un nuovo lido nella zona sud. L'amministrazione comunale ha già fatto sapere che richiederà al Demanio Marittimo di non concedere l'autorizzazione. All'impiegato comunale finito in ospedale gli è stata data una prognosi di trenta giorni. Il fatto di cronaca ha provocato commenti a pioggia, in particolare delle organizzazioni sindacali, contro il sindaco Cateno De Luca accusato con i video social di attacchi al personale che provocherebbero negli utenti reazioni contro i funzionari. De Luca ha risposto alle critiche sostenendo che le accuse sono speculari solo per attaccare il primo cittadino.

Aggressione, ancora botta e risposta De Luca-Fucile

Intanto la Federazione delle Imprese Balneari di Messina nella nota del coordinatore provinciale Santino Morabito condanna senza riserve la vile aggressione subita da un funzionario del Comune, al quale va la solidarietà dei concessionari messinesi. "Fare impresa sul demanio marittimo, cioè su un bene che appartiene a tutti - si legge - è un privilegio che va guadagnato con comportamenti irreprensibili e con il possesso di requisiti soggettivi e professionali. Chiunque dimostri di non possedere tali requisiti non merita di fare parte di questo ambiente che è molto più di un settore economico. Non nascondiamo che pastoie burocratiche ed interpretazioni restrittive  delle norme alle volte ingabbiano le concessioni demaniali, fino all’asfissia delle imprese, ed in questi anni,  la scrivente Associazione di Categoria ha avuto molti momenti di confronto con gli uffici della pubblica amministrazione, sia comunale che regionale, e taluni molto aspri, ma sempre nel pieno rispetto dei ruoli. Ribadiamo, quindi, che i concessionari del demanio marittimo messinese rappresentano una categoria imprenditoriale sana e ricca di progettualità per il futuro che nulla a che spartire con episodi di violenza di qualsiasi natura".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione al dipendente comunale, identificato l'autore

MessinaToday è in caricamento