“Un’area bambini al posto del cemento”, la proposta di Scivolone per dare nuova vita al villaggio Unrra

Presentato ordine del giorno. L’idea è quella di eliminare l’attuale struttura circolare nella piazza retrostante via Padre Leta

Piazza villaggio Unrra

Si punta a riqualificare la piazza retrostante via Padre Leta, nel villaggio Unrra, eliminando l’attuale struttura circolare e realizzando un’area attrezzata per bambini, con panchine, cestini per i rifiuti e aree verdi. La proposta del vicepresidente della II Municipalità Paolo Scivolone, che ha presentato un ordine del giorno, è stata discussa lo scorso 6 agosto nel corso della III Commissione consiliare. 

"La piazza, una delle più ampie del villaggio, posizionata in prossimità di una scuola e della parrocchia – spiega il consigliere del M5s – è attualmente poco frequentata e depotenziata a causa della conformazione poco funzionale e della mancanza di elementi di arredo urbano. L’idea è quella di eliminare l’attuale struttura circolare di cemento e di realizzare al suo posto un’area giochi per bambini, migliorando l'impianto di pubblica illuminazione e installando un sistema di videosorveglianza (chiesto a più riprese negli anni) per evitare che venga distrutta da atti vandalici come è già accaduto in passato, con il “furto” di panchine, cestini e persino alberi. Grazie all’ampia metratura, lo slargo potrebbe essere utilizzato anche per ospitare manifestazioni culturali e ricreative, coinvolgendo i cittadini del comprensorio, privi di spazi pubblici all’aperto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La piazza – prosegue - potrebbe essere ulteriormente valorizzata con la collocazione di una fontana monumentale al centro, come proposto dal collega  Giuseppe Villari, ed eventualmente con un chiosco da dare in affidamento a privati con un apposito bando. Le idee al vaglio sono tante. L’importante è che, a distanza di due anni dal suo insediamento, l’Amministrazione si adoperi finalmente per riqualificare questo spazio nevralgico per la vita del quartiere, restituendolo alla cittadinanza», conclude Scivolone, che evidenzia infine la necessità di dare alla piazza, attualmente senza nome, una degna intitolazione: «Un’idea potrebbe essere quella di omaggiare Pippo Spadaro, scomparso nel settembre del 2008: una persona stimata da tutta la comunità".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brigata Aosta nello sconforto per la morte del militare, indagini a tutto campo a Capo d'Orlando

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • Tragedia sfiorata in via Jaci, soccorso un uomo che ha tentato il suicidio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento