Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Ganzirri / Via Consolare Pompea

Primi accertamenti dell'Arpa, liquami nei laghi di Ganzirri

L'ordinanza del sindaco De Luca di inizio agosto comincia a produrre effetti. L'agenzia regionale ha fornito al Comune le prime analisi sugli scarichi che confermano la presenza anche di acque nere dal Giardino dei Laghi

I primi accertamenti dell'Arpa, l'Agenzia regionale per l'Ambiente, hanno dato esiti preoccupanti. Nei laghi di Ganzirri vengono scaricate acque bianche ma anche liquami perché i limiti consentiti sono stati superati. Un pozzetto in particolare è sotto osservazione, ed è quello del complesso Giardino dei Laghi. Adesso scatteranno le sanzioni per i responsabili che si servono del collegamento tra il tubo che giunge in acqua e le palazzine.

A inizio agosto l'ordinanza del sindaco De Luca per coordinare le attività destinate alla rimozione delle cause del possibile danno ambientale.Il 23 luglio scorso la nota redatta dall'assessorato comunale Rifiuti e Ambiente segnalava lo sversamento in più punti di altrettanti numeri civici di via Consolare Pompea  di acque reflue con valori di concentrazione superiori a quelli ammessi. Il lago di Ganzirri e il lago di Faro ricadono dal 2001 nella Riserva naturale di Capo Peloro gestita dalla Città Metropolitana. Nell'ordinanza è specificato che saranno ricercati gli estremi delle autorizzazioni allo scarico in fognatura di tutti i fabbricati che per la loro collocazione "Possano potenzialmente alimentare, attraverso il conferimento dei reflui prodotti, le porzioni della Rete individuate attraverso le indagini". 

Ordinanza del sindaco, indagini sui reflui nei laghi di Ganzirri 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primi accertamenti dell'Arpa, liquami nei laghi di Ganzirri

MessinaToday è in caricamento