Era fuggito dall'officina portandosi via un'auto, arrestato dai poliziotti

Nell'ottobre scorso Fausto Marletta, 42 anni, aveva anche ferito il titolare dell'autorimessa durante la fuga in macchina, il mezzo è stato individuato a Giarre

Aveva rapinato un'officina il 10 ottobre portandosi via un'auto. La polizia ha arrestato un 42enne che è stato trasferito ai domiciliari. Gli agenti delle Volanti con la sezione Falchi della Questura di Catania hanno eseguito la misura cautelare emessa dal Gip di Messina a Fausto Marletta, residente a Catania ma nato ad Augusta. L'uomo era riuscito a fuggire con l'autovettura grazie al momento di distrazione del titolare. Quest’ultimo, compreso quanto stava accadendo, aveva rincorso il mezzo aggrappandosi allo sportello per un breve tratto di strada ma poi era caduto a terra. Il rapinatore, infatti, con una serie di manovre, era riuscito a sbalzarlo via, provocandogli lesioni giudicate guaribili in 7 giorni.

I poliziotti delle Volanti, coordinati dall'Autorità Giudiziaria di Messina, hanno ricostruito la dinamica dei fatti e sono risaliti all’identità del malfattore grazie all’analisi delle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza presente sul posto, riconoscendo il quarantaduenne, già noto alle Forze dell’Ordine. Il rilevatore Gps, installato a bordo dell’auto, ha permesso di localizzare l'auto a Giarre. In casa sono stati rinvenuti anche gli indumenti indossati durante la rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Provvidenza Grassi, maxi risarcimento ai familiari e condanne per tre funzionari del Cas

  • L'ospedale Papardo assume medici, ecco le figure ricercate

  • Incidente stradale vicino Villa Dante, tra i feriti un bimbo

  • Ioppolo in tribunale per l'omicidio dell'ex fidanzata rischia il linciaggio, quindici militari per fermare la rabbia

  • Un uomo sulla nave minaccia di buttarsi giù, ore di terrore alla Marittima

  • Comune di Tortorici nella bufera dopo gli arresti per mafia, “Andiamo avanti per il bene del paese”

Torna su
MessinaToday è in caricamento