menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggredì il ristoratore perchè “pretendeva” che pagasse la consumazione, ai domiciliari dopo tre anni

Un 31enne di origini marocchine colto in flagranza nel 2016 a Terme Vigliatore, dovra scontare un anno e otto mesi. A Santa Lucia del Mela domiciliari a un 67enne per detenzione armi

I carabinieri hanno eseguito due arresti per due distinti provvedimenti emessi dalla Procura Generale presso la Corte di Appello. In entrambi i casi è stata disposta la detenzione domiciliare. A Terme Vigliatore, i militari hanno arrestato il 31enne di origini marocchine ma residente a Terme Vigliatore, condannato alla pena definitiva di 1 anno e 4 mesi di reclusione per i reati di estorsione, lesioni personali, resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale. L’uomo è stato condannato per i fatti commessi a Terme Vigliatore nel 2016 quando fu arrestato in flagranza di reato poiché aveva aggredito il titolare di un’attività di ristorazione del luogo che gli aveva richiesto il pagamento della consumazione. In quella circostanza, l’uomo si era scagliato anche contro i militari che erano intervenuti.

I carabinieri di Santa Lucia del Mela hanno arrestato il 67enne del luogo, condannato alla pena definitiva di 1 anno e 9 mesi di reclusione per il reato di detenzione illegale di armi e munizioni. Nel giugno 2018 era stato trovato in possesso una pistola calibro 7,65 mm ed un fucile monocanna e vario munizionamento di diverso calibro, illegalmente detenuti.

Al termine delle formalità di rito, i due arrestati sono stati condotti dai carabinieri presso le rispettive abitazioni ove dovranno scontare la pena in regime di detenzione domiciliare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano, come scegliere quello giusto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento