Violentata, minacciata e presa a bastonate anche davanti al figlio minore: arrestato un 34 enne di Brolo

Le indagini dei carabinieri sono state avviate a seguito della denuncia sporta dalla vittima ed hanno permesso di ricostruire e documentare le reiterate violenze

Violentata, minacciata e presa a bastonate anche davanti al figlio minore. Finisce con l'arresto di un 34enne di Brolo la drammatica situazione di una donna che è finalmente riuscita a dire basta.

Oggi, a conclusione di indagini dirette dalla Procura di Patti, i carabinieri di Capo d’Orlando hanno arrestato un 34enne, domiciliato a Brolo, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della misura cautelare personale degli arresti domiciliari. L’uomo è gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti verso conviventi, molestie, violenza sessuale, minacce, ingiurie e violenza privata commessi nei confronti dell’ex convivente. 

Le indagini dei carabinieri sono state avviate a seguito della denuncia sporta dalla vittima ed hanno permesso di ricostruire e documentare le reiterate condotte poste in essere dall’uomo che con il suo comportamento, tenuto anche in presenza del figlio minore, attraverso molestie, percosse, violenze e prevaricazioni ha sottomesso psicologicamente la donna che è stata anche costretta a subire violenza sessuale.

I carabinieri della Stazione, supportati dalla “task force” specializzata nel contrasto alle violenze di genere costituita presso il Comando Provinciale di Messina e sotto la guida del Procura di Patti, hanno raccolto i gravi indizi di colpevolezza che hanno consentito l’emissione della misura cautelare. L’uomo è stato, quindi, arrestato e, dopo le formalità di rito, condotto presso il suo domicilio ove sarà ristretto in regime di arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri evidenziano che tale risultato è stato reso possibile dalla fiducia riposta dalla vittima nei confronti dell’Autorità Giudiziaria e delle forze dell'Ordine che ha consentito un rapido intervento a sua tutela. Le denunzie da parte delle vittime di violenza di genere sono di fondamentale importanza per gli organi deputati a perseguire tali tipologie di delitti poiché conducono ad un immediato intervento in loro tutela. L'immediatezza della risposta della polizia giudiziaria si ricollega anche ad una specifica preparazione professionale nell’affrontare tali reati, sollecitata e coordinata dalla Procura della Repubblica di Patti particolarmente attenta a perseguire questi crimini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo ricovero per coronavirus al Policlinico, una cinquantenne in arrivo da Patti: due impiegati in isolamento

  • Milazzo, secondo giorno di ricerche di Aurelio Visalli: città sotto choc

  • Si tuffano in mare a Milazzo nonostante la burrasca, ragazzi in balìa delle onde: un disperso tra i soccorritori

  • Nonno positivo al Covid, tre alunni della "Catalfamo" in quarantena

  • Disperso della Guardia Costiera, il testimone che ha allertato i soccorsi: "L'ho visto galleggiare e trascinato a largo"

  • Milazzo, il mare restituisce il corpo di Aurelio Visalli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento