rotate-mobile
Cronaca

Nervoso alla vista dei Finanzieri, arrestato corriere con 1.200 grammi di cocaina

L'uomo bloccato agli imbarcaderi dopo un breve inseguimento. La droga occultata fra gli effetti personali in un involucro sul quale era stato apposto un disegno riportante il nome “Zeus”

I finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno sequestrato circa 1.200 grammi di cocaina in transito sullo Stretto di Messina, traendo in arresto un corriere di nazionalità italiana per violazione alla normativa in materia di sostanze stupefacenti.

Si tratta di Simone De Cola, messinese di 37 anni. Durante i consuetudinari controlli ai passeggeri ed ai veicoli in transito sullo Stretto, le Fiamme Gialle del Gruppo di Messina notavano l’atteggiamento sospetto del soggetto che, appena sbarcato, si avvedeva della presenza dei cani antidroga, mostrando evidenti segni di nervosismo.

Alla semplice richiesta dei documenti, i sospetti trovavano immediata conferma: il soggetto messinese tentava di darsi precipitosamente alla fuga, cercando di far perdere le proprie tracce, approfittando del traffico di mezzi e persone, particolarmente intenso per il periodo delle festività natalizie. Dopo un breve inseguimento, tuttavia, i Finanzieri del Gruppo di Messina riuscivano a bloccare il fuggiasco, rinvenendo all’interno della borsa trasportata, celato tra gli effetti personali, un involucro della classica forma dei panetti di cocaina, sul quale era stato apposto un disegno riportante il nome “ZEUS”, verosimilmente ad indicare la qualità del narcotico. Lo stupefacente sequestrato avrebbe potuto fruttare al dettaglio, sulle piazze di spaccio messinesi, opportunamente tagliato, circa 250.000 euro. Sulla base delle risultanze investigative, che dovranno comunque trovare conferma in dibattimento e nei successivi gradi di giudizio e fermo restando il generale principio di non colpevolezza sino a sentenza passata in giudicato, l’indagato è stato quindi tratto in arresto, in flagranza di reato, per traffico di sostanze stupefacenti ed associato alla casa circondariale di Gazzi.

L’attività condotta dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Messina, con l’imprescindibile ausilio delle unità cinofile, attesta la costante attenzione al contrasto del narcotraffico, soprattutto ai punti di accesso alla Sicilia. La frequenza con cui vengono effettuati sequestri di stupefacente, oltre a confermare l’importanza del territorio  peloritano quale punto strategico di snodo dei traffici illeciti verso l’Isola, testimonia la rilevanza attribuita al fenomeno dalle Fiamme Gialle messinesi e dalle Autorità Giudiziarie del distretto, vieppiù perché, come ormai giudiziariamente accertato, primaria fonte di sostentamento delle organizzazioni criminali, anche di matrice mafiosa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nervoso alla vista dei Finanzieri, arrestato corriere con 1.200 grammi di cocaina

MessinaToday è in caricamento