Droga, pusher in manette a Fondo Fucile: la polizia sequestra cocaina e crack

Un 33enne beccato mentre usciva dall’appartamento di un pregiudicato noto alle forze dell’ordine e arrestato nei mesi scorsi per spaccio

È stato arrestato alle 05,30 di ieri in zona Fondo Fucile dai poliziotti delle Volanti impegnati nel controllo del territorio. Trentatré anni, messinese, è ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Lo hanno notato uscire dall’appartamento di un pregiudicato noto alle forze dell’ordine e arrestato nei mesi scorsi per spaccio. Il trentatreenne è poi salito a bordo di un’auto velocemente abbandonata quando si è accorto della presenza degli agenti. Raggiunto, ha negato di essersi recato nella casa del pregiudicato nonostante ne avesse le chiavi.

Rapidi accertamenti hanno inoltre evidenziato il rapporto di parentela tra i due: il trentatreenne è il cognato del pregiudicato.

Gli agenti che hanno quindi proceduto a perquisire l’abitazione hanno rinvenuto circa 40 grammi di cocaina e una decina di crack. Sequestrata altresì la somma di 3575 euro, verosimile provento di spaccio, un bilancino di precisione e altro materiale generalmente utilizzato per il confezionamento delle singole dosi.

Il trentatreenne è stato trasferito presso la locale casa circondariale su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento