Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Capo d'Orlando

Capo d'Orlando, violenza e furto per una cassa acustica: nei guai un rumeno e il figlio diciottenne

I due sono stati arrestati in flagranza di reato. La perquisizione ha prmesso di recuperare anche una cassa audio bluetooth

Tentata rapina e furto aggravato ai danni di un esercizio commerciale di di Capo d'Orando. A finire nei guai due rumeni, padre e figlio.

In particolare, nella mattinata di ieri, il 56enne Radu Linguarar ha tentato di impossessarsi di una cassa acustica, usando violenza contro il direttore del punto vendita, e successivamente si era dato alla fuga.

Gli agenti, allertati, sono intervenuti immediatamente sul posto e dopo la ricostruzione dei fatti si sono messi alla ricerca dell’uomo che in breve tempo è stato rintracciato e fermato nelle campagne circostanti. Fermato anche il figlio Emanuel di 18 anni, che aspettava il padre a bordo di un furgone, in sosta nei pressi dell’esercizio commerciale.

La perquisizione effettuata sul mezzo permetteva di recuperare, celato sotto un materasso, una cassa audio bluetooth precedentemente asportata dal negozio. I due pertanto sono stati arrestati in flagranza di reato e condotti presso la casa circondariale di Messina Gazzi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capo d'Orlando, violenza e furto per una cassa acustica: nei guai un rumeno e il figlio diciottenne

MessinaToday è in caricamento