Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Provinciale / Via Catania

Gli punta il coltello al petto e lo minaccia: "Sono il parente di un noto criminale, dammi i soldi"

La polizia ha arrestato un 26enne autore della rapina dello scorso 6 aprile in via Catania. Il giovane ha prima chiesto denaro alla vittima, poi i toni sono cambiati. Dovrà rispondere di rapina

Ha avvicinato un dipendente della ditta di surgelati e gli ha chiesto del denaro dicendo di avere difficoltà economiche, poi ha estratto il coltello e l'ha puntato al petto della vittima, sostenendo di essere il parente di un noto criminale. Protagonista un ragazzo di 25 anni, autore della rapina dello scorso 6 aprile in via Catania ai danni di una dipendente di una ditta di surgelati.

Il giovane, già con precedenti, si è avvicinato all'uomo col pretesto di vendere del bagnoschiuma poi e è salito a bordo del furgone guidato dalla vittima e ha chiesto del denaro. I toni sono presto cambiati e la richiesta si è trasformata in minaccia quando, dopo aver ricevuto i primi soldi,  il malvivente ha estratto un coltello, lo ha puntato all’altezza del petto della vittima e dichiarandosi congiunto di un noto pregiudicato, ha preteso altro denaro. Ricevutolo, per una somma complessiva di circa 60 euro, si è dileguato.

Le indagini condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Messina e coordinate dall’autorità giudiziaria, hanno permesso di ricostruire rapidamente la vicenda e di dare un’identità al malvivente. Risolutiva la visione delle immagini dei sistemi di video sorveglianza presenti nell’area dove si è consumata la rapina.    I poliziotti della Squadra Mobile hanno proceduto ieri all’esecuzione della misura cautelare con il trasferimento del venticinquenne in carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli punta il coltello al petto e lo minaccia: "Sono il parente di un noto criminale, dammi i soldi"

MessinaToday è in caricamento