menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Irrompe in una casa rompendo il vetro con una statuetta, arrestato

Nei guai un 65enne accusato anche di porto abusivo d'armi. Durante l'irruzione ha terrorizzato la vittima coprendo il suo volto con cappello e mascherina

Ha rotto il vetro della porta di ingresso con una statuetta e ha fatto irruzione in casa terrorizzando l'occupante. Protagonista dello "show" è un 65enne messinese, arrestato per violazione di domicilio e porto abusivo di arma.

I fatti sono accaduti ieri pomeriggio a San Michele. L'uomo è entrato in casa della vittima col capo travisato da cappello e mascherina, ma all'arrivo della polizia il padrone dell'abitazione ha tentato di minimizzare giustificando il gesto subito come momento di nervosismo dovuto a problemi di natura privata. Ma gli agenti hanno comunque fermato l'aggressore sottoponendolo a perquisizione, estesa anche alla sua auto. E i controlli hanno portato al rinvenimento di due coltelli, una pistola Beretta, un caricatore e cartucce compatibili con entrambi.

L’uomo, incensurato, con regolare porto d’armi per uso sportivo, ha dichiarato di aver dimenticato l’arma dopo averla utilizzata al poligono tempo addietro. Ma ulteriori accertamenti dagli uomini di Volanti e Squadra Mobile hanno permesso il ritrovamento di uno zaino contenente un ulteriore caricatore, altre cartucce e attrezzi di varia natura tra cui un martello, cacciaviti, cannello completo di bomboletta di gas propano, guanti, fil di ferro, nastro da imballaggio, corde, una pinza, fascette da elettricista.

Il 65enne, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato trasferito nel carcere di Barcellona Pozzo di Gotto. Disposto anche il sequestro delle armi e della relativa licenza di possesso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento