rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022

L’Asp si prepara all’arrivo dei profughi ucraini: “Vaccini obbligatori per i bambini”

Saranno sottoposti a tamponi molecolari ed antigenici ma per i più piccoli varrà l’obbligatorietà delle vaccinazioni pediatriche a morbillo, rosolia e parotide

Non c’è solo il fronte covid perché, come ha evidenziato il commissario straordinario dell’Asp Bernardo Alagna, l’arrivo in Italia di tanti profughi in fuga dalla guerra in Ucraina tiene in allerta anche l’Azienda Sanitaria provinciale. Il motivo è legato alla bassa percentuale di vaccinazione che c’è nel paese. 

“Siamo stati già allertati dal ministro della Salute – ha detto Alagna questa mattina in fiera – affinché i profughi ucraini che arriveranno in Sicilia e ovviamente a Messina siano sottoposti e ad uno screening vaccinale completo. Faremo dei tamponi sia molecolari che antigenici rapidi proprio per appurare qual è la situazione e poi li avvieremo alla campagna di profilassi. Sappiamo bene che in quei paesi il tasso di vaccinazione era ancora molto basso, ma la novità sta proprio in questo che non solo si effettuerà il vaccino anticovid ma si propongono anche tutta una serie di vaccini che comunemente vengono effettuati sulla in età pediatrica come morbillo, parotide, rosolia perché c’è la necessità nei bambini ucraini di sottoporli la vaccinazione”. 

Non ci sarà però un vero e proprio obbligo. “Noi l’obbligo l’abbiamo solo per quelle della fascia pediatrica. Per l’altra si potrà continuare a parlare di sorveglianza sanitaria attraverso i tamponi”

Si parla di

Video popolari

L’Asp si prepara all’arrivo dei profughi ucraini: “Vaccini obbligatori per i bambini”

MessinaToday è in caricamento