rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Taormina

Appalti sull'acquedotto di Taormina, inizia l'udienza preliminare

I risvolti giudiziari dell'inchiesta dello scorso novembre su come l'Asm, adesso costituita parte civile, gestiva e affidava i servizi afferenti il settore idrico. Dodici gli indagati, in tre hanno chiesto il rito abbreviato. I nomi

Si è costituita parte civile l'Asm di Taormina all'udienza preliminare sulla gestione degli appalti relativi all'acquedotto comunale. Ad accendere i riflettori erano state lo scorso novembre guardia di finanza e polizia con un'inchiesta che portò cinque misure cautelari interdittive nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili dei reati di peculato, corruzione, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e violazioni alla normativa in materia di subappalto. Gli inquirenti si concentrarono su presunte anomalie nell’affidamento e nella gestione dei servizi e delle attività afferenti il settore acquedotto dell’azienda.

Figura centrale, secondo la Procura, il funzionario Asm Santo D'Agostino, attualmente sospeso dal servizio, responsabile del servizio acquedotto, il quale operava, secondo ipotesi d’accusa, con spregiudicatezza e gestendo in maniera personalistica l’articolazione da lui diretta, tanto da fare mercimonio della funzione ricoperta, per ottenere vantaggi personali.

In tutto sono 12 gli indagati. Tre di loro hanno chiesto il rito abbreviato al Gup Tiziana Leanza. Si tratta degli imprenditori coinvolti negli appalti Vincenzo Caserta, Pietro Monaco e Francesco Cipolla. Per tutti gli altri, invece, l’udienza preliminare va avanti. Il pm Rossana Casabona ha chiesto il rinvio a giudizio per: Santo D'Agostino, Antonino De Luca, Mario De Luca, Alfio Lo Pinto, Giuseppe Sabato, Giuseppe Piccolo, Carmelo Portogallo, Salvatore Vercoco e Antonino Giacona.

Ad assistere l'Asm l'avvocato Giovanni Mannuccia. Il collegio difensivo è composto invece dai legali Isabella Barone, Antonio Scarcella, Cinzia Panebianco, Maria Rita Pandolfino, Orazio Carbone, Nunzio Garufi, Antonio Noè.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalti sull'acquedotto di Taormina, inizia l'udienza preliminare

MessinaToday è in caricamento