Cronaca

Assunti per non lavorare, lo strano caso di dieci ausiliari dell'Asp

La Uil-Fpl di Messina denuncia i ritardi nell'assunzione del personale che aspetta da settembre la presa di servizio. Nella stessa condizione anche gli operatori socio-sanitari che si sono sottoposti a tampone ma aspettano ancora la firma del contratto

Sono stati assunti il 5 settembre ma ancora non riescono a lavorare. È la strana storia dei dieci ausiliari specializzati che sono stati chiamati con telegramma dalla graduatoria del concorso dei “43 posti per ausiliario specializzato cat. A” giusta delibera n. 2453/CS del 05/09/2017. I dipendenti, dopo avere comunicato la loro disponibilità per mezzo Posta elettronica certificata e aver eseguito l'iter del Tampone Molecolare per covid19 in data 17/10/2020 e ottenuto l’l'idoneità dalla visita con il medico competente, ad oggi non sono stati messi in servizio. A sollecitare l'assunzione del personale Pippo Calapai e Carmelo Runci, segretario generale e segretario aziendale della Uil-Fpl di Messina, che hanno scritto al direttore dell’Asp, Paolo La Paglia. "Alcuni di questi lavoratori ci hanno inoltre riferito che per essere a disposizione dell'Asp per l'imminente assunzione che doveva avvenire a fine ottobre 2020 hanno rinunciato ad altre opportunità di lavoro, subendo così un danno economico", scrivono i sindacalisti. "Infine si comunica che nelle stesse condizioni degli ausiliari specializzati ci sono anche gli OSS che nonostante abbiano già fatto le visite e tampone molecolare covid 19 aspettano la firma del contratto di assunzione. Pertanto si chiede di procedere con urgenza all'assunzione del personale”, concludono. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assunti per non lavorare, lo strano caso di dieci ausiliari dell'Asp

MessinaToday è in caricamento