Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Raffineria di Milazzo, morti per esposizione all'amianto: assolti i vertici della Ram

“Il fatto non sussiste” per 17 ex dirigenti che erano accusati di lesioni colpose legate a violazioni delle norme in materia di sicurezza sul lavoro

Si è concluso con l’assoluzione di tutti gli imputati il processo a carico di 17 ex dirigenti accusati della morte per esposizione all'amianto di sette lavoratori  tra il 2006 e il 2013.

Per la procura di Barcellona, guidata da Emanuele Crescenti,  le esalazioni all'interno della struttura e l'amianto presente negli impianti erano state determinanti ma il collegio difensivo composto dagli avvocati Tommaso e Carlo Autru Ryolo ha dimostrato l'insussistenza dell'ipotesi accusatoria tanto che lo stesso pm Alessandro Liprino ha ritenuto di richiedere l'assoluzione.

Assolti dunque “perché il fatto non sussiste”, Franco Terrosi, Napoleone Majuri,  Mario Del Tredici, Vincenzo Russo, Francesco Zofrea, Salvatore Caltabiano, Marcello Rubini, Diego La Scala, Angelo Ferrari, Antonio Bucarelli, Cristiano Raminella, Franco Scorretti, Alessandro Gilotti, Pasquale Palumbo, Renato Morelli, Lino Gamba, Daniela Trio. Infine la stessa Ram, nella persona del rappresentante legale Pietro Maugeri. 

Si tratta di presidenti, direttori generali e responsabili HSE manager, che si sono succeduti dal 1982 al 2008, che erano accusati di lesioni colpose legate a violazioni delle norme in materia di sicurezza sul lavoro, per non aver evitato l’esposizione all’amianto da parte dei lavoratori. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffineria di Milazzo, morti per esposizione all'amianto: assolti i vertici della Ram

MessinaToday è in caricamento