Ylenia uccisa da una coltellata, l'autopsia chiarisce il giallo

Resta in stato di fermo la donna che si è presentata in questura poco dopo l'aggressione. Si aspetta l'esito degli esami tossicologici ma intanto la salma della giovane messinese è stata consegnata ai familiari

La coltellata inferta a Ylenia Bonavera ha causato la morte della giovane 26enne messinese. A stabilirlo è l'autopsia eseguita ieri pomeriggio all'ospedale Garibaldi di Catania. Si aspetta ancora l'esito degli esami tossicologi e la relazione dettagliata del medico che ha eseguito i rilievi sul corpo della giovane, colpita fra la clavicola destra e la giugulare con un coltello da cucina, la notte fra mercoledì e giovedì. Il corpo intanto è stato consegnato ai familiari, ma ancora non si sa quando saranno celebrati i funerali.

Gli investigatori seguivano sia la pista della morte per accoltellamento sia il decesso per overdose. Ma l'esito autoptico non lascerebbe spazio ad ulteriori dubbi. Intanto gli inquirenti continuano a indagare sulle cause dell'aggressione e, acquisite le immagini della lite a Catania nel quartiere di San Cristoforo, stanno facendo luce sulle persone coinvolte nel litigio. Resta ancora in stato di fermo Daniela Nicotra, la 34enne accusata di aver inferto la coltellata mortale a Ylenia. La donna si è presentata alla polizia accompagnata dal legale poche ore dopo la morte della giovane donna. Secondo quanto raccontato dalla Nicotra la lite con Ylenia è nata per legittima difesa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ricetta della nonna per i pitoni fritti con la scalora

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: tutta la Sicilia sarà "zona rossa", 380 casi a Messina e 3 decessi

  • Zona rossa: Musumeci ha firmato l'ordinanza, dall'11 al 31 gennaio lockdown in città

  • Messina zona rossa, dietrofront del sindaco: “Revoco l'ordinanza, nessuna collaborazione sui rifiuti speciali”

  • Messina zona rossa, da venerdì ulteriori restrizioni per negozi e servizi

  • "L'ordinanza non sarà modificata", la Musolino risponde anche su barbieri e mercati che rischiano sanzioni

Torna su
MessinaToday è in caricamento