Autostrade, contratti al Cas da nazionale e regionale: si va verso lo sciopero

Il primo tentativo di conciliazione a dicembre, quando i sindacati avevano chiesto di sospendere delibera e bandi di assunzione. Venerdì il sit in

Tentativo di conciliazione tra il Cas e le organizzazioni sindacali del consorzio che minacciano lo sciopero per il blocco del contratto nazionale fermo al 2009 e si oppongono alla sostituzione del contratto con quello regionale.

Le parti si incontreranno il 17 gennaio alle 11 in prefettura per quella che viene definita la “seconda fase della procedura di raffreddamento” fra Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal, Ugl Trasporti e Lata da una parte ed il presidente del Consorzio per le autostrade siciliane dall’altra.

Il primo tentativo a dicembre, quando i sindacati avevano chiesto di sospendere delibera e bandi di assunzione regolati con il contratto regionale ma il Cas aveva proseguito l’iter senza convocarli. Un passaggio “obbligato” quello in prefettura, solo dopo i sindacati potranno proclamare gli scioperi annunciati. Già per venerdì è previsto il sit in davanti la prefettura.

Sul tavolo delle trattative anche la richiesta dei sindacati di porre fine alle convocazioni di altre sigle non rappresentative di lavoratori autostradali, quella che anche la Consulta ha definito “contrattazione pirata” e finalizzate a modificare regolamenti e contratti del Consorzio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scompare all'uscita di scuola, ore di ansia per un 13enne

  • Ritrovato dopo sei ore il 13enne scomparso

  • Tragedia a Minissale, donna muore in strada per un malore

  • Incidente stradale davanti al tribunale, avvocato travolto sulle strisce pedonali

  • Arsenale della 'ndrangheta nei fondali, maxi ritrovamento dei carabinieri subacquei di Messina

  • Operazione Nebrodi, così l'elenco di tutti gli arrestati e delle ditte sequestrate

Torna su
MessinaToday è in caricamento