rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca

Trascorrono le vacanze in città per l'affido temporaneo, famiglie messinesi in ansia per i "loro" bambini ucraini

L'associazione Arca senza Confini sta tentando di trovare la strada dei viaggi umanitari per consentire a minori, una trentina, di tornare in Sicilia nei giorni dell'invasione militare Russa

Per una trentina di bambini ucraini Messina potrebbe essere la salvezza dall'invasione armata dell'esercito Russo. I piccoli, grazie all'associazione Arca senza Confini presieduta da Marika Monforte, vengono nella nostra città ogni anno per trascorrere alcune settimane di vacanza sia d'estate che nel periodo natalizio in affido temporaneo. 

L'invasione Russa in Ucraina, è guerra a Kiev

Famiglie messinesi che sono molto preoccupate per il destino dei "loro" piccoli e hanno già chiesto all'associazione di fare qualcosa. I bambini sono figli di genitori poveri oppure minori che hanno perso i parenti per le conseguenze del disastro nucleare di Chernobyl. "Sono minori che vivono in orfanotrofio in Ucraina oppure in condizioni economicamente difficili presso le loro famiglie di origine - dichiara la Monforte - poveri piccoli, adesso sono costretti a vivere in bunker e sentire sparare; le famiglie messinesi che li assistono per un periodo temporaneo sono in ansia per loro, noi stiamo avanzando la possibilità di attivare i viaggi umanitari per farli arrivare al più presto a Messina come nelle altre città siciliane, Catania e Ragusa, dove altrettante famiglie si occupano di loro, come sapete questi bambini sono soggetti alla tutela ministeriale, abbiamo chiesto il contributo del circolo Arci Sankarà e con Patrizia Maiorana stiamo lavorando per trovare un'alternativa immediata". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trascorrono le vacanze in città per l'affido temporaneo, famiglie messinesi in ansia per i "loro" bambini ucraini

MessinaToday è in caricamento