Cronaca

Badiazza, al via la prima tappa per il restauro della chiesa “luogo del cuore” Fai

Il governatore ha dato il via alla pubblicazione del bando-concorso predisposto dalla Soprintendenza, su richiesta del governo regionale. Un luogo simbolo “votato” da 9.006 persone al censimento Fai

La chiesa di Badiazza sarà restaurata. Parola del presidente della Regione Nello Musumeci. "Un impegno che avevo assunto quattro mesi fa, in un convegno sul lungomare messinese, e lo sto mantenendo».

Il governatore ha visionato e dato il via alla pubblicazione, sulla Gazzetta ufficiale, del bando-concorso predisposto, su richiesta del governo regionale, dalla soprintendenza ai Beni culturali di Messina, guidata da Mirella Vinci. Il recupero della chiesa di Santa Maria della Valle, detta “Badiazza”, risalente all'undicesimo secolo, che sorge poco fuori Messina, in una vallata ai piedi dei monti Peloritani, è atteso da diversi decenni. Un monumento simbolo della città, la chiesa della Badiazza: 9.006 persone lo hanno votato come luogo alla nona edizione del censimento dei luoghi italiani da non dimenticare promosso dal Fai, il Fondo per l'ambiente italiano.

Ridateci la Badiazza, una targa per il luogo del cuore

“Un manufatto medievale - sottolinea il presidente - di particolare bellezza e di grande importanza storico-architettonica che, in passato, è stato oggetto solamente di interventi strutturali parziali. Per questioni di sicurezza, circa due anni fa, è stata chiusa ma adesso, con procedure il più possibile veloci, sarà restituita alla fruizione della comunità locale e potrà tornare ad essere meta, così come è sempre stato, di tantissimi turisti: una nuova tappa del processo di valorizzazione del patrimonio architettonico dell'Isola. Vi ho fatto un sopralluogo alcuni giorni fa e mi sono convinto della urgente necessità di intervenire in maniera radicale».

Sia il progetto di fattibilità tecnica che quello definitivo dovranno essere completati entro sessanta giorni. Subito dopo, si procederà a indire la gara d’appalto per l’affidamento congiunto della progettazione esecutiva, che sarà però affidata a chi avrà già curato quella definitiva, e dell’esecuzione dei lavori. Il costo complessivo dell'intervento è stato stimato in un milione e 600mila euro, risorse che provengono dal Patto per il Sud.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Badiazza, al via la prima tappa per il restauro della chiesa “luogo del cuore” Fai

MessinaToday è in caricamento