Beni confiscati alle mafie: "Saranno sgomberati quelli occupati dai familiari dei boss”

Prorogati al 15 dicembre i termini del bando per l'assegnazione diretta in Sicilia degli immobili confiscati. La soddisfazione di Claudio Fava. L'elenco a Messina e provincia

Claudio Fava

Siamo grati all'Agenzia nazionale per i beni confiscati per aver raccolto la nostra preoccupazione, prorogando al 15 dicembre i termini del bando per l'assegnazione diretta in Sicilia degli immobili confiscati". Così il presidente della Commissione antimafia siciliana Claudio Fava che due giorni fa aveva scritto al direttore dell'Agenzia e al Ministro dell'interno per segnalare "lo stato in cui versano molti dei beni messi a bando: condizioni spesso fatiscenti con edifici tuttora abusivi o privi di abitabilità, beni a volte sconosciuti agli stessi coadiutori giudiziari che ne hanno la responsabilità e, soprattutto, immobili ancora occupati abusivamente da familiari e congiunti dei boss mafiosi a cui sono stati confiscati".

"Abbiamo ricevuto questa mattina - dice Fava - riscontro e risposta alla nostra sollecitazione da parte dell'Agenzia che si è impegnata a completare le operazioni di sgombero degli immobili tuttora occupati e ad estendere al 30 novembre il termine ultimo per lo svolgimento dei sopralluoghi, inizialmente fissato il 20 ottobre. Quaranta giorni in più che serviranno, è nostro auspicio, a mettere il bando nazionale dell'Agenzia nella condizione di centrare l'obiettivo: assegnare ad associazioni no profit immobili e terreni confiscati a cosa nostra, evitando il loro definitivo deperimento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dettagli del Bando nazionale che ha messo a disposizione di enti non profit oltre 1.400 beni in tutta Italia, sono a questo indirizzo. Per quanto riguarda Messina e provincia i beni confiscati sono tre a Capizzi, uno a Caronia, quattro a Castroreale, 72 terreni agricoli a Furnari, due immobili a Giardini Naxos, due appartamenti a Lipari, 4 a Messina, due terreni agricoli a Rosì Milici, 20 terreni agricoli e due fabbricati a Rometta, 31 terreni agricoli a Spadafora più un terreno con fabbricato rurale e tre terreni agricoli a Tripi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta i rifiuti fuori orario e prende a pugni un vigile urbano: denunciato comandante degli aliscafi

  • L'ospedale Papardo cerca infermieri e operatori sociosanitari, selezioni in corso

  • Positivo al coronavirus ma va in palestra, indagini in corso della polizia municipale

  • Grave incidente in autostrada vicino lo svincolo di Messina centro, due feriti al Policlinico

  • Operazione antidroga nelle acque dello Stretto, fermati due uomini pronti a trasportare 7 chili di marijuana in Sicilia

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento