Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Da Villa De Gregorio alle mura di Carlo V, nasce un comitato civico per salvare la città dimenticata

A maggio il cronoprogramma di iniziative che punta a recuperare strutture storiche. Il presidente Ruggeri: “Chiederemo subito il sostegno di istituzioni pubbliche e private che possa condurre ad una adeguata progettazione in grado di riqualificare i manufatti esistenti nonché l’ambientazione che li circonda”.”

“Messina: la città dimenticata”. E’ il nome del Comitato di cittadini che si è costituito ieri con l’obiettivo di recuperare dall’oblio e salvaguardare strutture storiche abbandonate.

“Le pietre raccontano – spiega Giuseppe Ruggeri, presidente del neo comitato – e la storia della nostra città passa necessariamente attraverso questa testimonianza che non può essere abbandonata al degrado come purtroppo da decenni avviene”.

Ma quali sono le priorità del comitato e di quali luoghi si vuole occupare da subito? “Inizieremo dalla villa De Gregorio – continua Ruggeri - i cui ruderi giacciono infestati da erbacce e materiale di risulta lungo il viale Giostra. Ma c’è anche l’antica polveriera di Camaro, il palazzo degli Elefanti e la cinquecentesca cinta muraria di Carlo V. Chiederemo subito il sostegno di istituzioni pubbliche e private – spiega il presidente - che possa condurre ad una adeguata progettazione in grado di riqualificare i manufatti esistenti nonché l’ambientazione che li circonda”.

Il comitato conta di presentare tutte le iniziative a maggio con un cronoprogramma di interventi. Ecco tutti i componenti: Aldo Di Blasi (vicepresidente), Pippo Previti (segretario-tesoriere) e i consiglieri Matteo Allone, Filippo Faillaci, Carmelo Micalizzi e Daniele Macris.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Villa De Gregorio alle mura di Carlo V, nasce un comitato civico per salvare la città dimenticata

MessinaToday è in caricamento